Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Duccio Demetrio

Duccio Demetrio
autore
Raffaello Cortina Editore
Duccio Demetrio ha insegnato Filosofia dell’educazione all’Università di Milano-Bicocca, ha fondato e dirige la Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari e l’Accademia del Silenzio. Nelle nostre edizioni ha pubblicato, tra gli altri, Raccontarsi (1996), Filosofia del camminare (2005), La vita schiva (2007), L’interiorità maschile (2010), Perché amiamo scrivere (2011), La religiosità della terra (2013) e Ingratitudine (2016).
Condividi

Libri dell'autore

Filosofia del camminare

Esercizi di meditazione mediterranea

di Duccio Demetrio

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 292

La filosofia è nata in cammino. Si è perfezionata con Socrate nelle strade di Atene, nelle dispute sotto i portici dell’Accademia di Platone, nei giardini di Epicuro, nelle agorà di Alessandria e, in seguito, nella quiete dei chiostri monacali. Questo libro non si limita a rintracciare i momenti più suggestivi di tale storia. Suggerisce piuttosto al lettore di riscoprire il piacere del camminare meditabondo, senza preoccupazione per un itinerario prestabilito, per ripensare alla propria esistenza e guardare con occhi diversi le cose e il mondo. L’autore Duccio Demetrio insegna Filosofia dell’educazione all’Università degli studi di Milano-Bicocca. Nelle nostre edizioni ha già pubblicato “Raccontarsi” (1996), “Elogio dell’immaturità” (1998), “Autoanalisi per non pazienti” (2003).

Ingratitudine

La memoria breve della riconoscenza

di Duccio Demetrio

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 186

L’ingratitudine e la riconoscenza sono tratti salienti degli intricati rapporti umani.

L'interiorità maschile

Le solitudini degli uomini

di Duccio Demetrio

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 280

In cosa consiste la vita interiore? Ed è davvero destituito di senso il luogo comune secondo cui gli uomini rifuggono ogni confronto con la propria interiorità? Che i maschi, nella grande maggioranza, siano poco disponibili alla riflessività, più protesi verso l’“esterno”, pare incontestabile. Evitano di porsi le domande più ineludibili, di confrontarsi con la sensibilità femminile, che include l’ascolto e la cura, temendo una crisi di immagine o di identità.L’importanza di riscoprire il valore antico della solitudine degli uomini, condizione senza la quale non si educa la propria interiorità, è il tema di questo libro, che suggerisce come perseguire una forma di virilità più problematica e profonda, e al tempo stesso più generosa ed eroica.L'autoreDuccio Demetrio insegna Filosofia dell’educazione all’Università di Milano Bicocca. Nella collana Minima ha pubblicato, tra gli altri, Filosofia del camminare (2005), La vita schiva (2007) e L’educazione non è finita (2009).

L'interiorità maschile

Le solitudini degli uomini

di Duccio Demetrio

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 280

In cosa consiste la vita interiore? Ed è davvero destituito di senso il luogo comune secondo cui gli uomini rifuggono ogni confronto con la propria interiorità? Che i maschi, nella grande maggioranza, siano poco disponibili alla riflessività, più protesi verso l’“esterno”, pare incontestabile. Evitano di porsi le domande più ineludibili, di confrontarsi con la sensibilità femminile, che include l’ascolto e la cura, temendo una crisi di immagine o di identità. L’importanza di riscoprire il valore antico della solitudine degli uomini, condizione senza la quale non si educa la propria interiorità, è il tema di questo libro, che suggerisce come perseguire una forma di virilità più problematica e profonda, e al tempo stesso più generosa ed eroica. L'autore Duccio Demetrio insegna Filosofia dell’educazione all’Università di Milano Bicocca. Nella collana Minima ha pubblicato, tra gli altri, Filosofia del camminare (2005), La vita schiva (2007) e L’educazione non è finita (2009).

Autoanalisi per non pazienti

Inquietudine e scrittura di sé

di Duccio Demetrio

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 296

È possibile interrogare la propria mente, porsi domande che “curano” anche più delle risposte, senza per questo essere pazienti, autorizzandosi a fare da soli. L’autoanalisi non serve soltanto a domare la nostra inquietudine, si configura anche come un percorso di etica laica per fare luce sui grandi temi indicibili dell’esperienza umana: l’amore, il dolore, la noia, la speranza… L’autore si propone di iniziarci alle arti del monologo interiore, della scrittura diaristica, dell’autoriflessione costante, di imparare dall’esistenza, senza maestri se non noi stessi, quel che essa ha da insegnarci, vivendo con maggior coraggio la condizione umana, considerandola come un testo sempre enigmatico e da decifrare. L’autore Duccio Demetrio, professore di Filosofia dell’educazione all’Università degli Studi di Milano Bicocca, è autore di opere dedicate all’educazione degli adulti, alla pedagogia interculturale, alle teorie e alle pratiche autobiografiche nella formazione. Nelle nostre edizioni ha pubblicato "Raccontarsi" (1996) e "Elogio dell’immaturità" (1998).

Elogio dell'immaturità

Poetica dell’età irraggiungibile

di Duccio Demetrio

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 230

In età adulta, il termine “immaturità” offende e ferisce. Ci rinfaccia puerili irresponsabilità, incoerenze, trasgressioni. Inaffidabile, per il senso comune, è l’uomo che presenti tali caratteri; bisognoso di cure è ritenuto chi scansa ruoli e appuntamenti della maturità: negli affetti, nei compiti di un’età della vita sempre più disorientata e ambigua. E se, invece, l’immaturità fosse tutt’altro? Degna d’elogio e ricca di pregi? Questo libro lo dimostra, spiegandoci l’importanza di imparare a diventare immaturi. Una nuova saggezza, un’altra virtù. Ci viene indicato come riconoscerla e interpretarla, come viverne la “leggerezza” quando troppa maturità ci opprime e ci spegne. L'autore Duccio Demetrio è professore di Educazione degli adulti presso la facoltà di Scienze della Formazione della II Università di Milano. In questa collana ha già pubblicato Raccontarsi. L’autobiografia come cura di sé (Milano, 1996)

Raccontarsi

L’autobiografia come cura di sé

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 230

Arriva un momento nell'età adulta in cui si avverte il desiderio di raccontare la propria storia di vita. Per fare un po' d''ordine dentro di sé e capire il presente, per ritrovare emozioni perdute e sapere come si è diventati, chi dobbiamo ringraziare o dimenticare. Quando questo bisogno ci sorprende, il racconto di quel che abbiamo fatto, amato, sofferto, inizia a prendere forma. Diventa scrittura di sé e alimenta l'esaltante passione di voler lasciare traccia di noi a chi verrà dopo o ci sarà accanto. Sperimentiamo così il "pensiero autobiografico", che richiede metodo, coraggio, ma procura, al contempo, non poco benessere. Questo libro accompagna il lettore nel percorso stilistico e psicologico che intraprende chi scrive della propria vita. Suggerisce quali criteri seguire e spiega perché raccontarsi in prima persona può essere un gioco felice, un'esperienza inusuale che cura, un'avventura dai molti significati. Duccio Demetrio, professore di Filosofia dell'educazione all'Università degli Studi di Milano Bicocca, è autore di opere dedicate agli adulti, alla pedagogia interculturale, alle teorie e alle pratiche autobiografiche nella formazione. In questa stessa collana ha pubblicato, tra gli altri, Filosofia del camminare (2005), La vita schiva (2007) e Perché amiamo scrivere (2011).

La scrittura clinica

Consulenza autobiografica e fragilità esistenziali

di Duccio Demetrio

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 486

Per chiunque abbia compiti professionali di cura, il volume rappresenta il primo contributo edito in Italia volto a mostrare quanto lo scrivere di sé aiuti le persone a superare le difficoltà senza smarrire se stesse. Promuovendo il pensiero e la creatività individuali, la scrittura autobiografica si sta sempre più rivelando una pratica di cura efficace per attenuare la sofferenza di persone affette da patologie psichiatriche. Il testo è però dedicato soprattutto a chi, non affetto da patologie conclamate, attraversi momenti difficili della propria vita: lutti, malattie, passaggi d’età, stati depressivi temporanei. L'autore Duccio Demetrio insegna Filosofia dell’educazione all’Università di Milano Bicocca. Nelle nostre edizioni ha pubblicato, tra gli altri, Raccontarsi (1996) e Autoanalisi per non pazienti (2003).

La vita schiva

Il sentimento e le virtù della timidezza

di Duccio Demetrio

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 270

La timidezza oggi non è di moda. L’essere timidi è ritenuto spesso uno svantaggio, persino una malattia, una paura di vivere, un sottrarsi alle competizioni. L’aggressività, il farsi largo non le appartengono, non contraddistinguono l’uomo e la donna sempre un po’ in disparte, il cui ritrarsi è indizio di pacatezza e riserbo. Questo libro controcorrente non vuole dare consigli per superare un tratto così intensamente umano. Sta invece dalla parte di chi ancora arrossisce, e considera la timidezza una sensibilità da valorizzare, un intreccio di virtù – saper tacere, essere discreti… – che si traducono in un modo più luminoso di stare al mondo. L'autore Duccio Demetrio insegna Filosofia dell’educazione all’Università di Milano Bicocca. Nella collana “Minima” ha pubblicato con grande successo Raccontarsi (1996), Elogio dell’immaturità (1998), Autoanalisi per non pazienti (2003) e Filosofia del camminare (2005).

L'educazione non è finita

Idee per difenderla

di Duccio Demetrio

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 156

L’educazione non può finire perché senza educazione non avremmo futuro. Ridiscuterne il senso è l’obiettivo di questo libro, che ne indaga le finalità, le radici filosofiche, pedagogiche ed etiche, alle quali va al più presto riconsegnata. L’educazione è più dell’istruzione, è una dimensione ineliminabile, invisibile e concreta, della vita di tutti. Per questo è indispensabile tornare a discutere delle mete irrinunciabili cui un’educazione interrogata in profondità è chiamata a ispirarsi. L'autore Duccio Demetrio insegna Filosofia dell’educazione all’Università di Milano Bicocca. Nella collana Minima ha pubblicato, tra gli altri, Filosofia del camminare (2005) e La vita schiva (2007).

Senza figli

Una condizione umana

di Duccio Demetrio, Francesca Rigotti

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 268

Duccio Demetrio (un uomo-non padre) e Francesca Rigotti (una donna-madre) sono accomunati da un “non più” che vale per chi i figli non li ha più presso di sé e per chi di figli non ne ha avuti e non ne potrà-vorrà più avere. Queste due condizioni convergono in un “ senza figli” che è uno dei tratti caratteristici delle società contemporanee e che costituisce l’appassionante tema di riflessione di questo volume. Con intelligenza e senza indicare facili soluzioni, gli autori indagano per la prima volta la condizione umana definita dall’essere “senza fi gli”, insistendo sulla specificità e anche sul dolore provocato da tale stato, in un momento in cui si parla soltanto di legami non rescissi, di genitorialità permanente, di autonomia mancata. Gli autori Duccio Demetrio insegna Filosofia dell’educazione all’Università di Milano Bicocca. Nelle nostre edizioni ha pubblicato, tra gli altri, Filosofia del camminare (2005), La vita schiva (2007) e Perché amiamo scrivere (2011). Francesca Rigotti insegna presso la facoltà di Scienze della comunicazione dell’Università della Svizzera italiana a Lugano. Tra i suoi libri, Il filo del pensiero (il Mulino, 2002) e La filosofia in cucina (il Mulino, 2012).

La religiosità della terra

Una fede civile per la cura del mondo

di Duccio Demetrio

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 258

La religiosità della terra non è una devozione neopagana e nemmeno un culto. È un modo di sentire umano tra i più immediati e istintivi. È meraviglia, commozione, sgomento, dinanzi alla natura e al suo manifestarsi in forme molteplici e discordanti: bellezza sublime, supremazia, indifferenza. Sia il credente sia il non credente, dinanzi alla natura, non possono che provare identiche emozioni. Per questo oggi è necessaria una comune fede civile, un’alleanza feconda nella custodia del mondo, tra tutti coloro che intendono opporsi alle aggressioni, alle negligenze, ai saccheggi indiscriminati contro la nostra terra che, da madre, si rivela sempre più figlia. L'autore Duccio Demetrio ha insegnato Filosofia dell’educazione all’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Nelle nostre edizioni ha pubblicato, tra gli altri, Raccontarsi (1996), Filosofia del camminare (2005), La vita schiva (2007), e Perché amiamo scrivere (2011).

Perché amiamo scrivere

Filosofia e miti di una passione

di Duccio Demetrio

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 232

Si scrive spesso per necessità e per dovere. A volte lo si fa invece per puro piacere, per l'impulso di addentrarsi nella felicità o nel male di vivere, per fissare ricordi o perché si scopre che scrivere di sé allevia il dolore, rinsalda l'amicizia e dà forza. Le ragioni profonde e poco indagate per cui amiamo scrivere è il tema di questo libro. L'autore passa in rassegna le differenti facce che assume la passione di scrivere quando diventa un'ossessione, quando si impugna una penna o si batte su una tastiera senza altra ambizione che non sia l'incontro con le parti ancora in ombra di noi stessi. L'autore Duccio Demetrio insegna Filosofia dell'educazione all'Università di Milano Bicocca. Nella collana Minima ha pubblicato, tra gli altri, Filosofia del camminare (2005), La vita schiva (2007) e L'interiorità maschile (2010).
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.