Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Giovanni M. Ruggiero

Giovanni M. Ruggiero
autore
Raffaello Cortina Editore
Giovanni Maria Ruggiero, psichiatra e psicoterapeuta, dirige la Scuola di specializzazione in psicoterapia cognitiva “Psicoterapia cognitiva e ricerca” e insegna presso la Sigmund Freud University. Nelle nostre edizioni ha pubblicato Psicoterapia cognitiva dell’ansia (con S. Sassaroli e R. Lorenzini, 2006), Terapia cognitiva (2011) e Il colloquio in psicoterapia cognitiva (con S. Sassaroli, 2013).
Condividi

Scritti dell'autore

Rimuginio

Teoria e terapia del pensiero ripetitivo

di Gabriele Caselli, Giovanni M. Ruggiero

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 366

Il rimuginio è una forma di pensiero negativo e ripetitivo che negli ultimi decenni ha assunto un ruolo fondamentale tra i fattori psicologici.

Terapia cognitiva

Una storia critica

di Giovanni M. Ruggiero

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 198

Un efficace inquadramento storico della terapia cognitiva, che sta affrontando una svolta decisiva. La metafora della mente come computer, adottata entusiasticamente dal cognitivismo clinico, è ormai considerata una forzatura nella scienza cognitiva non clinica. A questo cambiamento di paradigma corrisponde nel cognitivismo clinico l’apertura di nuove linee di ricerca sulle emozioni, sugli interventi di validazione e accettazione, sui livelli di padroneggiamento volontario degli stati mentali, fino ad arrivare agli studi sugli stati di coscienza. Giovanni Maria Ruggiero, psichiatra e psicoterapeuta, è socio didatta della Società italiana di terapia comportamentale e cognitiva e autore di numerose pubblicazioni sul trattamento cognitivo dell’ansia e dei disturbi alimentari.

Il colloquio in psicoterapia cognitiva

Tecnica e pratica clinica

di Giovanni M. Ruggiero, Sandra Sassaroli

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 340

“Al paziente cosa dico?” può sembrare, da parte del terapeuta, una domanda rozza ma eludere la risposta può far pensare che certe cose non si possono insegnare. Invece, il colloquio psicoterapeutico è fondato su una tecnica esplicita, su procedure che si possono comunicare. In particolare, il colloquio cognitivo risponde a principi tecnici semplici e chiari. Incoraggia il paziente ad apprendere tre abilità fondamentali: riconoscere il legame tra la propria sofferenza emotiva e i propri pensieri, mettere in dubbio la validità di questi pensieri, elaborarne di nuovi, più utili per fronteggiare le situazioni problematiche. Gli autori Giovanni Maria Ruggiero, psichiatra e psicoterapeuta, dirige la Scuola di specializzazione in psicoterapia cognitiva “Psicoterapia cognitiva e ricerca”. Nella collana di Psicologia clinica ha pubblicato, tra gli altri, Terapia cognitiva (2011). Sandra Sassaroli, psichiatra e psicoterapeuta, dirige la Scuola di specializzazione in psicoterapia cognitiva “Studi cognitivi”. Nella collana di Psicologia clinica ha pubblicato, tra gli altri, Psicoterapia cognitiva dell’ansia (con R. Lorenzini e G.M. Ruggiero, 2006).

Psicoterapia cognitiva dell'ansia

Rimuginio, controllo ed evitamento

di Sandra Sassaroli, Roberto Lorenzini

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 650

L’idea portante degli autori è la presenza, in tutti i disturbi d’ansia, di una serie di fattori patogenetici comuni: perché dunque definire protocolli specifici per ogni disturbo quando i singoli processi costituenti la patologia sono sempre gli stessi? La proposta innovativa è una strategia d’intervento definita “terapia cognitiva modulare”, che considera più economico ed efficace, rispetto alla pratica clinica corrente, individuare strategie specifiche per affrontare ciascuno di tali processi, da utilizzare poi nei differenti disturbi. I curatori Sandra Sassaroli, psichiatra e psicoterapeuta, è didatta della Società italiana di terapia comportamentale e cognitiva e dirige la Scuola di specializzazione in psicoterapia cognitiva di Milano. Nella collana di Psicologia clinica ha pubblicato, con Roberto Lorenzini, ’’Attaccamento, conoscenza e disturbi di personalità’’ (1995) e ‘’La mente prigioniera’’ (2000). Roberto Lorenzini, psichiatra e psicoterapeuta, è didatta della Società italiana di terapia comportamentale e cognitiva e primario del dipartimento di Salute mentale dell’ASL di Viterbo. Giovanni Maria Ruggiero, socio della Società italiana di terapia comportamentale e cognitiva, ha pubblicato articoli scientifici su riviste internazionali.  
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.