Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Vladimir Jankélévitch

Scritti dell'autore

La menzogna e il malinteso

di Vladimir Jankélévitch

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 144

Possiamo davvero fare a meno del fragile equilibrio di convenzioni che rende più semplice la vita con gli altri? Menzogna e malinteso non costituiscono la trama sottile dell'agire comune? E non è forse per questo che la verità ''protesta'' nelle parole maldestre del gaffeur o nelle battute sprezzanti dell'enfant terrible? Scritte di getto, queste pagine offrono la più lucida testimonianza di quella ''fenomenologia del quotidiano'' che attraversa l'intera opera di Jankélévitch. Dando dignità filosofica alla gaffe, al pudore e allo humour, l'autore ci invita a avere il coraggio della parola ''inopportuna'' che interrompe il gioco di maschere in cui siamo immersi. Gesto etico per eccellenza, essa appare l'unica in grado di farci ritrovare l'innocenza perduta e riconquistare un autentico rapporto con l'altro. L'autore Vladimir Jankélévitch (1903-1985), dopo avere insegnato nelle facoltà di Lettere di Tolosa e Lilla, è stato professore di Filosofia morale alla Sorbona di Parigi. Intensa è stata la sua produzione in campo filosofico e musicologico. Sempre nella collana ''Minima'' è stato pubblicato Pensare la morte.

Pensare la morte?

di Vladimir Jankélévitch

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 114

Corso di filosofia morale

1962-1963

di Vladimir Jankélévitch

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: pp. 240

A cura di Antonio Delogu Jankélévitch conferma in questo Corso la fecondità di un pensiero che parla di morale senza cadere nel moralismo, scava nei concetti evitando il concettualismo e coniuga il dovere con l’amore, muovendo dall’importanza che l’intenzione e la volontà hanno nell’esperienza morale. Né Husserl né Heidegger ma Pascal e Tolstoj sono i riferimenti dell’autore, filosofo  laico ma attento alla lezione dei mistici, oltre che a quella dei classici (Platone, Aristotele, Agostino). Queste lezioni sono esemplarmente indicative della ricchezza spirituale che la filosofia può dare all’individuo, in un tempo in cui la ricchezza cui si guarda è di tutt’altro genere. L’autore Vladimir Jankélévitch (1903-1985) è stato a lungo professore di Filosofia morale alla Sorbona. Nelle nostre edizioni sono già stati pubblicati Pensare la morte (1995) e La menzogna e il malinteso (2000).
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.