Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Thomas Nagel

Scritti dell'autore

Mente e cosmo

Perché la concezione neodarwiniana della natura è quasi certamente falsa

di Thomas Nagel

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 154

Se la coscienza non può essere spiegata dalla fisica e dalla biologia nella loro forma attuale, e se la mente è un prodotto dell’evoluzione biologica, “allora”, afferma Nagel, “la biologia non può essere una scienza puramente fisica”. Convinto del fallimento della concezione materialistica della natura, che non spiega i tratti fondamentali del nostro mondo connessi con la mente (coscienza, intenzionalità, significato, valori), Nagel sostiene la necessità di rileggere l’intera storia dell’evoluzione assumendo la centralità dei fenomeni mentali e coscienti, governati da principi che, nella loro forma logica, sarebbero teleologici piuttosto che meccanicistici. La visione riduzionistica del mondo, che pone la materia a fondamento di tutta la realtà, è ancora molto diffusa. Riconoscerne i limiti – è questo il senso della proposta di Nagel – rappresenta il primo passo nella ricerca di possibili alternative. L'autore Thomas Nagel, uno dei più eminenti filosofi contemporanei, è professore emerito di Filosofia e Diritto presso la New York University. Fra le sue opere più importanti ricordiamo Questioni mortali (1979). Recentemente ha pubblicato Secular Philosophy and the Religious Temperament: Essays 2002-2008 (2010).
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.