Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Vladimir Jankélévitch

Vladimir Jankélévitch
autore
Raffaello Cortina Editore

Vladimir Jankélévitch (1903-1985), dopo avere insegnato nelle facoltà di Lettere di Tolosa e Lille, è stato professore di Filosofia morale alla Sorbona di Parigi. Intensa è stata la sua produzione in campo filosofico e musicologico. Nelle nostre edizioni ha pubblicato La menzogna e il malinteso (2000), Pensare la morte (2000) e Corso di filosofia morale 1962-1963 (2007).

Libri dell'autore

La menzogna e il malinteso

di Vladimir Jankélévitch

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 144

Queste pagine offrono la più lucida testimonianza di quella ''fenomenologia del quotidiano'' che attraversa l'intera opera di Jankélévitch.

Pensare la morte?

di Vladimir Jankélévitch

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 114

Il filosofo fa di questo problema il movente per portarsi “ai margini” che separano l’esistenza dal nulla e ne deriva una prospettiva completamente diversa sulla vita e sulle cose.

Corso di filosofia morale

1962-1963

di Vladimir Jankélévitch

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 240

A cura di Antonio Delogu Jankélévitch conferma in questo Corso la fecondità di un pensiero che parla di morale senza cadere nel moralismo, scava nei concetti evitando il concettualismo e coniuga il dovere con l’amore, muovendo dall’importanza che l’intenzione e la volontà hanno nell’esperienza morale. Né Husserl né Heidegger ma Pascal e Tolstoj sono i riferimenti dell’autore, filosofo  laico ma attento alla lezione dei mistici, oltre che a quella dei classici (Platone, Aristotele, Agostino). Queste lezioni sono esemplarmente indicative della ricchezza spirituale che la filosofia può dare all’individuo, in un tempo in cui la ricchezza cui si guarda è di tutt’altro genere.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.