Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Antropologia

Il terrorismo suicida

Una chiave per comprenderne le ragioni

di Talal Asad

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 136

C’è davvero una grande differenza tra un soldato in guerra e un terrorista suicida? Quale tipo di violenza è considerata “legittima” e perché? Con un’analisi originale e provocatoria di uno dei fenomeni più complessi del mondo contemporaneo, Asad esamina il terrorismo suicida da punti di vista inediti, pungolando il lettore a prendere distanza da risposte preconfezionate al terrorismo, alla guerra e agli attacchi suicidi. L'autore Talal Asad è professore di Antropologia al Graduate Center of the City University di New York.

Il metrò rivisitato

di Marc Augé

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 82

L’antropologo fa ritorno nel metrò. Vent’anni dopo la pubblicazione di Un etnologo nel metrò, Marc Augé torna a interrogarsi su questo luogo per eccellenza dello spazio pubblico dove circolano opinioni, povertà, musica e sogni. Girovagando nel metrò, l’antropologo raccoglie e racconta i dettagli che caratterizzano la nostra epoca: vestiti, piercing, tatuaggi e apparecchi tecnologici mettono in scena l’individuo e permettono di interrogarsi sul senso di ciò che viene chiamata contemporaneità e sullo sguardo stesso di chi la descrive. L'autore Marc Augé, antropologo francese, ha elaborato una “antropologia dei mondi contemporanei” che lo ha reso noto in tutta Europa.

Antropologia e sviluppo

Saggio sul cambiamento sociale

di Jean-Pierre Olivier de Sardan

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 278

Come descrivere e comprendere oggi le relazioni esistenti tra le istituzioni dello sviluppo, pubbliche o private, e le popolazioni locali a cui si rivolgono? Il fenomeno è particolarmente importante in Africa, per il ruolo giocato dai flussi di “aiuto” e da “progetti” di ogni tipo. Strategie, mediazioni, modi di azione economica, innovazioni… Sono le parole chiave di quest’opera di riferimento, che mostra come l’antropologia dello sviluppo possa contribuire a migliorare la qualità dei servizi che le istituzioni propongono alle popolazioni, consentendo una migliore comprensione delle logiche sociali. L'autore Jean-Pierre Olivier de Sardan insegna presso il CNRS e l’Ecole des hautes études en sciences sociales di Parigi.

Islam

Lo sviluppo religioso in Marocco e in Indonesia

di Clifford Geertz

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 150

Come si è evoluta in due diversi ambienti culturali e naturali una tradizione religiosa teoricamente omogenea? È questo il punto di partenza dell’originale e brillante studio di Clifford Geertz sullo sviluppo religioso di due nazioni collocate alle estremità opposte del mondo musulmano.

Corpi di donna, sguardi d'uomo

Sociologia del seno nudo

di Jean-Claude Kaufmann

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: XVI-269

Una spiaggia, donne più o meno numerose che si abbronzano a seno scoperto. Nessun problema? I problemi in realtà sono molti. Quali giustificazioni ci si dà per sbarazzarsi di un pezzo del costume? Quale posizione si sceglie per rendere il più disinvolto possibile un gesto di libertà? Con l'aiuto di numerosi casi concreti, l'autore svela i dettagli di una pratica apparentemente banale ma fondata su regole precise benché segrete. Ogni donna deve rispettare un codice di comportamento suggerito dalla struttura del suo corpo, dalla sua età, dalla sua cultura e dalla tipologia della spiaggia, decifrare i segnali inviati dagli sguardi che si posano su di lei e rispondervi con gesti adeguati.

Riconoscersi

Differenze culturali e pratiche comunicative

di Fabio Quassoli

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 260

È evidente l’importanza che la diversità culturale riveste per le società contemporanee. In questo volume vengono analizzate la complessità dell’esperienza quotidiana e la dimensione interculturale dei processi comunicativi. Si propone una lettura nuova del nesso tra culture e comunicazione, mostrando come identità e differenze siano continuamente ri-prodotte nei processi comunicativi ed entrino a far parte del “senso comune condiviso” grazie al quale ci riconosciamo come parte di una comunità. L’autore Fabio Quassoli insegna Sociologia dei processi culturali e Tecniche qualitative di ricerca all’Università di Milano-Bicocca.

Stuart Hall e gli studi culturali

di James Procter

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 188

Stuart Hall è una figura chiave nell’ambito degli studi culturali, un campo di ricerche non tradizionali nel quale convergono gli apporti di discipline diverse come l’antropologia e la sociologia, la filosofia e la critica letteraria, la semiotica e le scienze della comunicazione. Il testo di James Procter traccia gli sviluppi delle idee di Hall, collocandole all’interno dei più ampi contesti intellettuali, sociali e storici in cui sono state prodotte e affrontando, tra gli altri, argomenti come la cultura popolare e le sottoculture giovanili, i media e la comunicazione, il razzismo, l’identità e la questione dell’etnia. L'autore James Procter è docente di English Studies alla Stirling University.

Un esercito di bambini

Giovani soldati nei conflitti internazionali

di David M. Rosen

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 276

I bambini soldato sono aggressori o vittime? Rispondendo a questa domanda di grande attualità, David Rosen ci mette in guardia dal semplificare il problema. La sua ricerca si basa su tre casi esemplari, la Sierra Leone, la Palestina  e l’Europa Orientale durante l’Olocausto, e mostra come i bambini spesso decidano razionalmente che non combattere è peggio che combattere. Quel che si delinea è un quadro memorabile e sconvolgente: il futuro ci riserva forse sempre più guerre combattute da soldati col volto di bambini? L'autore David Rosen insegna Antropologia alla Fairleigh Dickinson University di Madison, New Jersey.

Schiavi, servi e dipendenti

Antropologia delle forme di dipendenza personale in Africa

di Fabio Viti

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 280

L’Africa si trova ancora oggi a confrontarsi con forme premoderne di subordinazione personale, che conducono al lavoro gratuito e a insidiose tipologie di asservimento differenti dalla schiavitù vera e propria solo per l’aspetto della proprietà della persona, inaugurando modalità di appropriazione transitoria del tipo “usa e getta” più funzionali alle esigenze del capitalismo globalizzato. Basato su materiali etnografici e storici, frutto di ricerche sul campo e d’archivio, il volume presenta una originale ricerca sui rapporti di dipendenza personale in Africa, proponendo una messa a punto delle principali categorie teoriche collegate alle cosiddette “nuove schiavitù”. L'autore Fabio Viti insegna Etnografia e Etnologia all’Università di Modena e Reggio Emilia.

Gregory Bateson

Antropologia, comunicazione, ecologia

di Rocco De Biasi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 160

L’interesse per Gregory Bateson, una delle figure più singolari nella cultura del Novecento, ha ormai superato i limiti delle singole discipline in cui egli ha lasciato un’impronta e ha coinvolto la sua complessa eredità. Questo libro fornisce gli strumenti critici essenziali in una prospettiva interdisciplinare e offre una ricostruzione del cammino intellettuale di Bateson: dall’esperienza di antropologo alla fondazione del pensiero sistemico-cibernetico, dalle ricerche sulla comunicazione alla meditazione sulla crisi ecologica e sull’epistemologia del sacro. L'autore Rocco De Biasi insegna Sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università di Bergamo.

Il sapore del mondo

Un’antropologia dei sensi

di David Le Breton

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 516

C’è la foresta del perdigiorno, quella del bracconiere o del guardacaccia, la foresta degli innamorati e quella degli ornitologi: ogni uomo cammina in un universo sensoriale legato a ciò che la sua cultura e la sua storia personale hanno fatto di lui ma il corpo è comunque il filtro attraverso il quale ci appropriamo della sostanza del mondo. Con la piacevolezza di un racconto e il sostegno di “sociologi” come Jonathan Swift, Marcel Proust e Bruce Chatwin, David Le Breton, uno dei massimi esperti di antropologia del corpo, esplora i sensi come pensiero del mondo, ricordando che la condizione umana è corporea prima che spirituale. L'autore David Le Breton, sociologo e antropologo, insegna all’Università di Strasburgo. Dei suoi molti libri, in italiano sono stati tradotti Il mondo a piedi (Feltrinelli, 2001) e La pelle e la traccia (Meltemi, 2005).

Noi e i Greci

di Marcel Detienne

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 174

I Greci hanno inventato la libertà, la filosofia e la democrazia e dunque, si sostiene, sono all’origine della nostra civiltà. Ma è davvero così? Capovolgendo questo luogo comune, Marcel Detienne, grande storico e antropologo della Grecia antica, mostra come il vincolo che collega la nostra cultura al pensiero dei Greci non vada cercato in una presunta “identità” tra gli antichi e noi. Al contrario, è opportuno e più produttivo sforzarsi di capire le differenze: proprio la riflessione su questa distanza ci consentirà di conoscere il senso che il passato e la sua eredità hanno per noi. Un testo stimolante di grande attualità, uno sguardo inedito sui miti e gli eroi greci a uso del nostro tempo. L’autore Marcel Detienne insegna alla Johns Hopkins University (USA) e all’École des Hautes Études di Parigi. Tra i suoi molti libri Le astuzie dell’intelligenza nell’antica Grecia (con J.-P. Vernant, Laterza 2005) e Dioniso e la pantera profumata (Laterza 2007).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.