Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Antropologia

Ebrei per scelta

Movimenti di conversione all’ebraismo

di Emanuela Trevisan Semi, Tudor Parfitt

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 208

Si può diventare ebrei? In genere si pensa che non esista un proselitismo ebraico: o lo si è o non lo si è. Invece ci sono stati veri e propri movimenti missionari ebraici. E soprattutto, in Sud-Africa come nei quartieri neri di Harlem, in Estremo Oriente come in Zimbabwe o nelle Puglie, numerosi gruppi si sono “convertiti” all’ebraismo. Ebrei per scelta mostra la complessità e il fascino di questo fenomeno, seguendo le tracce di gruppi sparsi in tutto il mondo. Un testo attraente anche per un pubblico non specialistico, sia per l’argomento, raramente trattato, sia per le situazioni singolari che fa incontrare. Gli autori Emanuela Trevisan Semi è professore di Lingua e letteratura ebraica moderna e contemporanea all’Università di Ca’ Foscari a Venezia e si occupa delle problematiche che hanno per oggetto l’identità ebraica in epoca contemporanea. Tudor Parfitt è professore in Modern Jewish Studies alla School of African and Oriental Studies di Londra e ha pubblicato saggi sui movimenti giudaizzanti contemporanei.

Antropologia e Africa

di Moore Sally Falk

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 174

Nessuno studioso che, da qualsiasi punto di vista, si occupi dell’Africa può ignorare la letteratura antropologica. Mancava però una sintesi efficace di come l’ambito africanista si sia evoluto in antropologia. Sally Falk Moore aiuta appunto il lettore a farsi un’idea esauriente degli studi antropologici sull’Africa nel corso del Novecento. Utile, grazie alla chiarezza dell’esposizione, per chi voglia approfondire la propria conoscenza dell’Africa, il libro costituisce un supporto didattico, ricco di dettagli storici, teorici e metodologici, per gli studiosi di antropologia culturale e storia dell’Africa. L’autrice Sally Falk Moore insegna Antropologia all’Università di Harvard.

Il Quilombo di Frechal

Identità e lavoro sul campo in una comunità brasiliana di discendenti di schiavi

di Roberto Malighetti

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 258

I quilombos brasiliani sono oggi considerati esempi di ribellione al regime schiavista, nuclei di resistenza contemporanei che rappresentano un contrappunto al latifondo e all’espansione capitalistica nelle aree rurali. Mostrando il concreto lavoro dell’antropologo sul campo, il testo analizza la costruzione dell’identità nel quilombo di Frechal, una comunità di discendenti di schiavi nell’area amazzonica del Maranhão (Brasile). L’identità quilombola si è definita nel quadro delle relazioni razziali: in nome di una propria autenticità culturale e mobilitando una simbologia capace di legittimare le rivendicazioni e dare loro un peso giuridico, il popolo di Frechal si è trasformato da oggetto di schiavitù e discriminazione in soggetto etnopolitico. L’autore Roberto Malighetti insegna Antropologia culturale all’Università di Milano Bicocca. Ha condotto ricerche sul campo soprattutto in Brasile, studiando le culture afro-brasiliane. Ha pubblicato, tra gli altri, Dal tribale al globale (con U. Fabietti e R. Matera, Bruno Mondadori, 2000).

La conoscenza ecologica

Attualità di Gregory Bateson

di Sergio Manghi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 164

Le riflessioni di Gregory Bateson, il grande antropologo inglese, anticipano quella svolta nel modo di pensare resa indifferibile dalle sfide dell’era globale, nella quale, come nel Paese delle Meraviglie di Alice, si ha la sensazione che “vengano giocati molti giochi contemporaneamente, e che durante il gioco cambino le regole di ciascuno”. La conoscenza ecologica è un invito a scoprire l’attualità del suo stile di pensiero, analizzandone alcuni temi cruciali: la creatività dei processi di conoscenza, il loro carattere relazionale, le illusioni di controllo del mondo da parte di individui o collettività e, infine, il richiamo alla necessità del sacro formulato da Bateson negli ultimi anni della sua vita. L’autore Sergio Manghi è docente di Sociologia della conoscenza all’Università degli Studi di Parma. Ha pubblicato “Il gatto con le ali” (Feltrinelli 1990) e, nelle nostre edizioni, “Attraverso Bateson” (1988).

Islam ed Europa

di Jack Goody

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 204

Non è forse il terrorismo islamico il nuovo spettro che si aggira per le nostre città? Ma che cosa sappiamo davvero dell’Islam e del suo ruolo nel passato e nel presente dell’Europa, all’epoca dell’attacco alle Torri gemelle di New York? Seguendo i movimenti di persone, culture e religioni da Oriente verso Occidente, Goody manda in pezzi l’idea di un’opposizione tra Islam ed Europa ed elabora riflessioni profonde e illuminanti su questioni politiche e conflitti di grande attualità. L’autore Jack Goody è professore emerito di Antropologia sociale presso l’Università di Cambridge. Tra i suoi molti volumi, “La famiglia nella storia europea” (Laterza, 2000), “L’ambivalenza della rappresentazione” (Feltrinelli 2000), “Il potere della tradizione scritta” (Bollati Boringhieri, 2002).

Origine della cultura e fine della storia

Dialoghi con Pierpaolo Antonello e Joao Cezar de Castro Rocha

di René Girard

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 240

René Girard, uno dei più importanti pensatori viventi, ripercorre qui il lungo filo della propria esperienza di pensiero partendo dalle sue origini personali e intellettuali e fornendo per la prima volta al lettore italiano la genealogia della propria ricerca, le esperienze di vita che lo hanno portato a costruire una delle teorie sul comportamento umano più feconde dell’ultimo secolo. La teoria girardiana viene ripensata come motore della storia umana a partire dalle origini stesse della cultura fino ai giorni nostri, segnati da fenomeni come il propagarsi della violenza collettiva e del risentimento su scala mondiale. L’autore René Girard è uno dei personaggi più eclettici della cultura contemporanea. I suoi libri sono stati tradotti in molte lingue e il suo pensiero è al centro di una profonda discussione a livello internazionale. Per le nostre edizioni ha pubblicato, nella collana Minima, "Il risentimento" (1999).

Per una teoria della pratica

Con Tre studi di etnologia cabila

di Pierre Bourdieu

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 352

Tradotta per la prima volta in italiano, quest’opera di Pierre Bourdieu, figura centrale della cultura del XX secolo, segna una tappa fondamentale nella tradizione delle scienze sociali. A una prima parte più descrittiva, dedicata allo studio etnografico della società cabila (Algeria) – l’etica cabila dell’onore, l’organizzazione dello spazio, i sistemi di parentela – corrisponde una seconda parte più ricca di spunti teorici e metodologici. Il riferimento costante agli studi sul campo e la profondità filosofica di Per una teoria della pratica ne fanno un prezioso strumento di riflessione per sociologi, antropologi e storici impegnati nello studio delle società contemporanee. L’autore Pierre Bourdieu (1930- 2002), sociologo, ha insegnato all’Ecole pratique des hautes études e al Collège de France. Tra le sue pubblicazioni "Risposte. Per un’antropologia riflessiva" (Bollati Boringhieri, 1992), "La distinzione. Critica sociale del gusto" (il Mulino, 2001), "Il mestiere di scienziato" (Feltrinelli, 2003).

Poteri di vita, poteri di morte

Introduzione a un'antropologia della repressione

di Marc Augé

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 192

Contro il mito del “buon selvaggio”, contro chi ha voluto vedere nelle cosiddette società primitive “la forma pura di una libertà perduta”, Marc Augé, uno dei più noti antropologi contemporanei, propone una lettura fedele dei dati etnologici. Tutte le società sono repressive, al di là delle specifiche istituzioni che le caratterizzano. Attraverso l’esame delle società lignatiche africane e quello dell’attuale società dei consumi, si sviluppa la tesi fondamentale del saggio: l’ideologia è sempre ideologia del potere. E le logiche del potere sono sempre paragonabili, non certo per l’ampiezza dei loro effetti ma per l’efficace rigore delle loro forme. L’autore Marc Augé insegna all’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi. Africanista di formazione, da anni si occupa di antropologia delle società complesse. Tra i suoi lavori pubblicati in Italia "Un etnologo nel metrò" (Eleuthera, 1992), "Nonluoghi" (Eleuthera, 1993), "Le forme dell’oblio" (Il Saggiatore, 2000), "Finzioni di fine secolo" (Bollati Boringhieri, 2001)

Sciamani d'Australia

Rito e iniziazione nella società aborigena

di Adolphus P. Elkin

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 200

Primo libro a rivelare le pratiche sacre e segrete degli aborigeni, "Sciamani d’Australia" presenta un’ampia serie di riti attraverso i quali il giovane maschio supera i primi stadi dell’iniziazione sciamanica, ciascuno con la propria parte di sapere esoterico. Essenziali alla coesione sociale dei gruppi sono i karadji, o grandi iniziati, i quali possiedono poteri magici: si pensa che possano far cadere la pioggia, prevedere gli eventi, guarire e uccidere in modo misterioso. A.P.Elkin, uno dei più eminenti antropologi australiani, non si limita a spiegare tali fenomeni, ma ci invita a cercare di comprendere questa straordinaria cultura ponendoci nella sua prospettiva. L’autore Adolphus Peter  Elkin (1891-1979) ha diretto il dipartimento di Antropologia dell’Università di Sidney. Ha scritto diversi saggi sul tema degli aborigeni australiani, tradotti in tutto il mondo.

Stregoneria, oracoli e magia tra gli Azande

di Edward E. Evans Pritchard

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 340

"Stregoneria, oracoli e magia fra gli Azande", basato sulle ricerche condotte negli anni '20 da Evans-Pritchard nel Sudan meridionale, si colloca tra i classici dell'antropologia culturale e sociale. L'interpretazione delle parole e dei gesti delle manipolazioni magiche porta l'autore a precisare i concetti basilari di magia e stregoneria. Grazie alla combinazione fra descrizione etnografica ed elaborazione teorica, il testo di Evans-Pritchard è un'opera di riferimento per chiunque si occupi di credenze sulla stregoneria e, più in generale, dei problemi relativi alla razionalità in culture diverse dalla nostra. L'autore Edward E. Evans-Pritchard, antropologo capofila della scuola britannica, è noto per le sue ricerche sulle società africane e gli studi sulla parentela e la religione.

La doppia assenza

Dalle illusioni dell’emigrato alle sofferenze dell’immigrato

di Abdelmalek Sayad

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 424

Frutto di vent’anni di ricerche, “La doppia assenza” mette a fuoco il problema urgente e difficile dell’immigrazione e disegna uno scenario conflittuale tra le società ricche e quelle povere. A cavallo tra le une e le altre, il migrante è sempre “fuori luogo”, preso nel paradosso di una “doppia assenza”. Una è l’assenza dell’immigrato dalla propria patria, l’altra è l’assenza dell’emigrato nelle cosiddette “società d’accoglienza”, nelle quali è incorporato ed escluso al tempo stesso. Dando voce agli immigrati, Sayad restituisce un’immagine complessa della loro condizione. Prefazione di Pierre Bourdieu L’autore Abdelmalek Sayad (1933-1998), sociologo algerino, è stato direttore di ricerca presso il Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica di Parigi. I suoi lavori hanno come oggetti i problemi dell’immigrazione in generale e dell’immigrazione algerina in particolare.

Genitori in esilio

Psicopatologia e migrazioni

di M. Rose Moro

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 240

Come curare in modo efficace una famiglia emigrata dall’Africa e il suo bambino che vive nelle nostre desolate periferie? Gli strumenti terapeutici classici non bastano. Serve un metodo nuovo, che integri psicoanalisi e antropologia e tenga conto della particolarità individuale e culturale di tali pazienti. Questo libro si rivolge a tutti i professionisti - psichiatri, psicologi, assistenti sociali, pediatri - che lavorano con i figli di immigrati e le loro famiglie e lancia una sfida: trasformare gli ostacoli a cui questi bambini sono messi di fronte in potenzialità creative.   L’autrice Marie-Rose Moro, psichiatra, dirige un centro di consultazione di etnopsichiatria presso il Centro ospedaliero universitario Avicenne nei pressi di Parigi.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.