Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Diritto

Chiudere i conti con la storia

Colonizzazione, schiavitù, Shoah

di Antoine Garapon

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 234

Prefazione di Daniela Bifulco L’idea è che al male prodotto dalla storia si possa rimediare attraverso azioni civili e risarcimenti di natura economica. Il dubbio è che indennizzi e class actions possano fornire davvero una risposta appagante alle istanze di riconoscimento rivendicate dalle vittime dei pregiudizi della storia. Idea e dubbio vengono sottoposti a un’analisi serrata da un giurista che sa resistere alla tentazione di ogni partito preso, consapevole dei limiti immanenti al diritto ma anche delle efficaci capacità regolative dello stesso. L'autore Antoine Garapon, magistrato, ha fondato l’Institut des hautes études sur la justice, con sede a Parigi. Nella collana Saggi ha pubblicato Del giudicare (2007).

Medico e giustizia

di Andrea Gentilomo, Guido Travaini

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 418

Per chi opera oggi nell’area sanitaria è importante saper inquadrare con sufficiente chiarezza i confini, i significati e, soprattutto, gli effetti dell’indagine e dell’azione penale. Con l’obiettivo di “mediare” tra la sfera biomedica e quella giuridica, questo manuale fornisce gli strumenti essenziali per comprendere i principi generali del diritto penale e del diritto processuale penale, focalizzando l’attenzione sui reati e sulle leggi di particolare interesse sanitario. Gli autori Andrea Gentilomo insegna Medicina legale e delle assicurazioni all’Università di Milano. Guido Travaini insegna Principi di diritto all’Università di Milano. Luca D’Auria, avvocato penalista, collabora con la cattedra di Procedura penale dell’Università di Milano.

Del giudicare

Saggio sul rituale giudiziario

di Antoine Garapon

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 336

Per rendere giustizia è necessario innanzitutto trovarsi nelle condizioni di giudicare. Tale è la funzione del rituale giudiziario: fissare le regole del gioco, istituire gli attori, delimitare uno spazio che ponga un argine all’indignazione morale. Ma accade a volte che le forze oscure del rituale, invece di servire la giustizia, trascinino verso l’ingiustizia: l’accusato rischia di essere travolto da quello stesso cerimoniale concepito per metterlo al riparo dalla vendetta popolare. Volere il bene e fare il male: è questa l’esperienza tragica della giustizia con cui Antoine Garapon intesse un dialogo serrato, esplorando i diversi aspetti del rituale giudiziario. L'autore Antoine Garapon dirige l’Institut des hautes études sur la justice, con sede a Parigi. Tra le sue opere tradotte in italiano I custodi dei diritti (Feltrinelli, 1997) e Crimini che non si possono né punire né perdonare (il Mulino, 2004).

Codici penali militari

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 704

Uno strumento straordinariamente curato, con la costante correlazione tra le varie norme, grazie ai richiami fra gli articoli del codice militare di pace e quelli del codice militare di guerra, e con tutte le più recenti modifiche che hanno interessato i due codici. Sono indicati in particolare tutti gli interventi legislativi che hanno disciplinato le operazioni militari effettuate nell’ambito delle missioni internazionali e viene riportata la serie di interventi che hanno determinato il passaggio all’attuale assetto del reclutamento, su base esclusivamente volontaria e con l’introduzione del servizio militare femminile. Il curatore Pier Paolo Rivello, procuratore capo della Procura militare di Torino, ha insegnato presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Pisa e dell’Università di Milano Bicocca ed è autore di numerose pubblicazioni.

Codice di procedura penale europea

di Silvia Buzzelli, Oliviero Mazza

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 1572

Per la prima volta in Italia è raccolta in un unico volume tutta la normativa processuale di matrice europea, in particolare le disposizioni fondamentali, le convenzioni europee e la normativa in tema di cooperazione di polizia e di cooperazione giudiziaria, di riavvicinamento delle legislazioni processuali e di esecuzione penitenziaria, senza trascurare la normativa in preparazione (“Corpus iuris” 2000, libri verdi e proposte di decisione quadro o di posizione comune). Oltre che agli studenti universitari, il libro è destinato a un pubblico di professionisti (magistrati, avvocati e tutti gli operatori del diritto), chiamati ogni giorno a confrontarsi con la procedura penale europea. I curatori Silvia Buzzelli è professore associato di Diritto dell’esecuzione penale presso l’Università di Pavia e professore affidatario di Procedura penale europea all’Università di Milano-Bicocca. Oliviero Mazza è professore associato di Diritto dell’esecuzione penale all’Università di Parma.

Il diritto romano nella storia europea

di Peter Stein

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 184

Edizione italiana a cura di Eva CantarellaIl diritto romano ha avuto un impatto considerevole sulla storia del mondo antico, esercitando un’influenza unificatrice su tutta l’Europa medievale e moderna. Il testo di Stein costituisce una sintetica esposizione del ruolo fondamentale che il diritto romano riveste nel quadro della cultura europea. La trattazione parte dalle origini di Roma (753 a.C.), spiegando come il sistema giuridico dei Romani abbia consentito loro di organizzare e di mantenere un dominio “mondiale”. Espone poi la rinascita del diritto romano dopo i secoli bui del Medio Evo, e giunge fino ai giorni nostri, spiegando in cosa consista l’attualità del diritto romano e perché esso venga ancora insegnato nelle scuole di diritto. L’aspetto di principale interesse del volume è la visione d’insieme che esso propone, esponendo un resoconto preciso di oltre 2500 anni di evoluzione giuridica. L’autore Peter G. Stein ha studiato giurisprudenza a Cambridge, Aberdeen e Pavia. Dal 1968 è Fellow del Queens’ College ed è stato Visiting Professor in numerose Univeristà in patria e all’estero. È membro delle Accademie delle Scienze di Gran Bretagna, Italia e Belgio e dottore honoris causa nelle Università di Gottinga e Ferrara.

Corpo e libertà

Una storia tra morale, scienza e diritto

di Amedeo Santosuosso

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 352

In questo libro viene indagato il conflitto tra autorità e libertà che ha come campo la vita, la salute, il corpo degli individui. Si ricostruisce l'emergere, dall'inizio del Novecento, del corpo come oggetto di private transazioni: dai trapianti al baliatico fino al contratto di lavoro, che, di tutti i contratti in cui è implicato un essere umano nella sua dimensione fisica, è il paradigma e il rompicapo. Si racconta poi la storia del potere dei medici, a partire dall'Ottocento fino al suo attuale declino: i medici che a un certo punto sono costretti ad accettare la trasformazione del paziente in un soggetto che si autodetermina, anche in condizioni estreme. Gli ultimi capitoli sono dedicati ai temi più attuali, le nuove tecniche di riproduzione e le applicazioni della genetica: uno sguardo realistico sul futuro. L'autore Amedeo Santosuosso è dal 1978 giudice a Milano. È tra i fondatori della Consulta di bioetica. Per Cortina ha pubblicato Il consenso informato (1996).

L'immane concretezza

Metamorfosi del crimine e controllo penale

di Gabrio Forti

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 588

La ''criminalità'' (''micro'' o ''macro'') e la questione giustizia sono temi d'attualità, non solo nel dibattito politico. Su di essi però il cittadino non è in grado di farsi un'idea equilibrata, libera dall'emotività del momento. Scopo del libro è aiutare i non addetti ai lavori a districarsi nella complessità del fenomeno criminale e a analizzare il modo in cui esso viene presentato dai media e affrontato dalle istituzioni. Con una serie di rimandi e numerosi esempi, spesso ispirati alla vicenda di tangentopoli, il lettore è guidato al cuore di un problema così delicato ma anche così concreto per tutti noi. L'autore Gabrio Forti è professore ordinario di Criminologia e Diritto penale nella facoltà di Giurisprudenza dell'Università Cattolica di Milano.

I servizi a rete in Europa

Concorrenza tra gli operatori e garanzia dei cittadini

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 406

Per servizi come il telefono, l'elettricità, il trasporto ferroviario, il cittadino italiano, aveva tradizionalmente di fronte un ente controllato dallo Stato: Telecom, Enel, Ferrovie dello Stato. La situazione va rapidamente cambiando: l'abbandono del controllo pubblico e l'introduzione della concorrenza investono oggi anche i servizi a rete. Questa trasformazione solleva due ordini di questioni. Da un lato il fatto che l'erogazione di questi servizi richiede comunque l'esistenza di una rete pone il problema di chi controlla e di chi può utilizzare tale rete. Dall'altro questi servizi corrispondono a diritti della persona che potrebbero essere pregiudicati se lasciati ai meccanismi del mercato. Gli scritti qui raccolti illustrano e analizzano le soluzioni finora elaborate per questi problemi in Francia, Germania federale, Regno Unito e Italia. Orientati dal comune proposito di realizzare un mercato unico nell'Unione europea, questi paesi hanno adottato norme in parte simili, in parte diverse nella ricerca di un equilibrio tra il funzionamento di mercati concorrenziali e il soddisfacimento dei diritti dei cittadini. Il curatore Erminio Ferrari (1949) è professore ordinario di Diritto amministrativo presso la facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Pavia.

Filosofi del diritto contemporanei

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 344

Il quadro di sintesi della riflessione filosofico-giuridica contemporanea curato da Gianfrancesco Zanetti si compone di saggi introduttivi al pensiero degli autori più singificativi dei nostri giorni. I concetti chiave, ineludibili per chiunque voglia riflettere sul diritto e sullo Stato, sui problemi normativi e sulla morale, sulla legge e sull’interpretazione costituzionale, vengono chiariti attraverso l’esposizione del pensiero delle grandi figure filosofiche del nostro tempo, dando origine da un lato a un capitolo “aperto” di storia della filosofia del diritto e dall’altro a uno strumento per ripensare in modo non banale le delicate questioni di etica pubblica: dall’aborto ai problemi di diritto costituzionale, dai diritti degli omosessuali al multiculturalismo, dal principio di eguaglianza alla sfida del femminismo e della “politica della differenza”. L'autore Gianfrancesco Zanetti insegna Filosofia del diritto alla Facoltà di giurisprudenza e alla Facoltà di lettere e filosofia dell’Università degli studi di Bologna. Fra le sue pubblicazioni ricordiamo La nozione di giustizia in Aristotele (il Mulino, 1993).

L'antiformalismo giuridico

Un percorso antologico

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 448

Contro l’idea di una legislazione che veniva sempre più intesa come espressione non tanto di una ragione sistematizzante quanto di una volontà che tendeva a imporsi come l’unica giuridicamente rilevante, sono insorti, nella prima parte del Novecento, giuristi e filosofi del diritto di diversa cultura e provenienza. Questa antologia, che contiene i contributi dei principali protagonisti di tale svolta, ripercorre le stagioni di quell’antiformalismo giuridico, le scuole, gli esiti diversi e spesso contrastanti. Intende approfondire il rapporto che ha legato, non di rado inconsapevolmente, studiosi lontani per formazione, sensibilità, aree geografiche, in una comune attività di smascheramento delle strutture e delle costruzioni giuridiche. Il curatore Aristide Tanzi insegna filosofia del diritto e teoria generale del diritto alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Milano-Bicocca.

Diversità e pluralismo

La sociologia del diritto penale nello studio di devianza e criminalità

di Morris L. Ghezzi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 228

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.