Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Filosofia

Il Sé sinaptico

Come il nostro cervello ci fa diventare quelli che siamo

di Joseph LeDoux

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 564

Chi siamo e perché siamo diventati quelli che siamo? Come interagiscono le nostre funzioni cognitive, emotive e motivazionali?

Estetica

di Paolo D'Angelo, Elio Franzini

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 352

"L'estetica (teoria delle arti liberali, gnoseologia inferiore, arte del pensare in modo bello, arte dell'analogo della ragione) è la scienza della conoscenza sensibile". Benché contestata fin dalla sua formulazione (1735), questa definizione di Baumgarten ha delineato l'orizzonte dell'estetica "moderna", sospesa tra teoria generale della sensibilità (Kant) e teoria delle belle arti (Hegel). Ma le vicende degli ultimi due secoli, dalle derive romantiche a Baudelaire, dalle critiche dell'idealismo (Schopenhauer) al confronto con il mondo della tecnica (Benjamin), dalla rivisitazione dell'eredità kantiana alle variazioni fenomenologiche, mostrano come l'arte o il bello non siano tanto l'oggetto dell'estetica quanto l'ocatura squisitamente filosofica che ha nella "teche" (in ogni accezione del termine) la sua pietra di paragone privilegiata. Non è un ciclo che si chiude, ma semmai un cammino vichiano per "corsi e ricorsi" che dalla ricorrente contrapposizione di platonismo e aristotelismo porta al bello intelligibile di Plotino, dall'arte come interpretazione della natura di Leonardo al rifacimento del mondo cui ci hanno abituato le avanguardie e le sperimentazioni contemporanee. Questo volume di "Biblioteca" presenta nuclei di dibattito che hanno posseduto, e a maggior ragione oggi possiedono, una pregnanza essenziale nella definizione di una disciplina, l'estetica, che in ogni sua grande espressione contiene la possibilità del proprio rinnovamento. Pagine scelte di: Aristotele, Batteaux, Baudelaire, Baumgarten, Benjamin, Burke, Croce, Hegel, Heidegger, Kant, Leonardo da Vinci, Merleau-Ponty, Platone, Plotino, Pseudo-Longino, Schlegel, Schopenhauer, Vico

Saggio sui dati immediati della coscienza

di Henri Bergson

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 176

Prefazione di Pier Aldo Rovatti. Agile e scritto in una lingua magistralmente chiara, questo è uno dei capolavori del pensiero contemporaneo. Contiene tutti i grandi temi della filosofia di Bergson e in particolare l’idea di durata, ovvero di un tempo qualitativo non riducibile al tempo spazializzato degli orologi. Questa originale nozione influenzerà l’intero orizzonte filosofico del Novecento ma anche zone consistenti dell’esperienza letteraria (Proust vi si ispirò direttamente). Finalmente un classico del pensiero si rende disponibile sul mercato in un’accurata traduzione. L’autore Henri Bergson (1859-1941) è tra i massimi nomi della filosofia mondiale di ogni tempo. Nel 1928 ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura.

Il ritratto e il suo sguardo

Postfazione di Raoul Kirchmayr Con 14 illustrazioni a colori

di Jean-Luc Nancy

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 120

Attraverso l’esame di alcune tele che hanno segnato la storia della pittura (da Lotto a Matisse), Jean-Luc Nancy, uno dei filosofi francesi oggi più accreditati, ci porta di fronte a quell’“oggetto” misterioso che compare nel ritratto e attorno al quale si organizza tutto lo spazio pittorico: lo sguardo. È lo sguardo a esporre il soggetto in pittura e a presentarlo al nostro stesso sguardo. In pagine dense e ritmate, Nancy rimette in gioco la definizione del ritratto e il suo senso, aprendo nuovi percorsi tra arte e filosofia. L’autore Jean-Luc Nancy insegna all’università “Marc Bloch” di Strasburgo ed è autore di opere importanti, tra cui “L’esperienza della libertà”, che, assieme a “Essere singolare plurale", è apparso recentemente presso Einaudi.

Conquista dell'abbondanza

Storia dello scontro tra l’astrazione e la ricchezza dell’Essere

di Paul K. Feyerabend

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 368

“Il libro serve a mostrare come gli specialisti e le persone comuni riducono l’abbondanza che li circonda e li confonde”. Così Paul Feyerabend, figura che ha segnato la filosofia del Novecento, presenta La conquista dell’abbondanza, il suo ultimo libro, “di lettura gradevole e facile da capire”, dedicato a un tema fondamentale nella cultura occidentale. Dagli dei di Omero all’avvento della scienza moderna, Feyerabend guida il lettore per “sentieri particolari”, mostrando come noi astraiamo dall’esperienza, spieghiamo le anomalie e riduciamo il mondo “pieno di meraviglie” a formule ed equazioni che danno forma al nostro senso della realtà. L’autore Paul Feyerabend è l’autore di “Contro il metodo” (Feltrinelli 1970), un classico della filosofia della scienza contemporanea, tradotto in 17 lingue. Nella collana Scienza e idee è stato pubblicato il suo carteggio con Imre Lakatos, “Sull’orlo della scienza” (1995).

L'evoluzione creatrice

di Henri Bergson

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 328

Davvero spirito e materia sono contrapposti? È rispondendo a questa domanda che il grande filosofo francese scrisse la sua opera più famosa "L'evoluzione creatrice". Tentando di superare il dualismo tra psiche e corpo, Bergson individua un unico e più profondo principio: materia e spirito devono essere considerate due diverse manifestazioni di un'identica attività creatrice presente a ogni livello della natura. Vegetali, animali, uomo, sono forme diverse in cui si esprime lo slancio vitale, l'essenza ultima della natura: forza creativa allo stato puro. Un grande classico della filosofia (praticamente inedito in traduzione italiana) che sintetizza il pensiero di Bergson, uno dei personaggi più influenti della filosofia del Novecento. L’autore Henri Bergson (1859-1941) è tra i massimi nomi della filosofia mondiale di ogni tempo. Nel 1928 ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura. In questa collana è stato pubblicato "Saggio sui dati immediati della coscienza" (2002).

Dio, un itinerario

Per una storia dell'Eterno in Occidente

di Régis Debray

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 400

Perché l’uomo continua a credere in Dio? In che modo la fede si è trasmessa attraverso i secoli? E come il volto stesso di Dio si è evoluto al passo con la storia? A tali domande risponde Régis Debray, filosofo francese dal passato rivoluzionario, in questo libro destinato a diventare un caso. Un’indagine sulle tracce del divino, dalla Mesopotamia ai nostri giorni, per illuminare l’una attraverso l’altra la storia dell’Eterno e quella dell’Occidente. La fede non è un problema di cui la scienza possiede la soluzione, sostiene Debray. Dopo la convinzione che solo la scienza possa dare risposte si torna alla religione del Libro o alle sue aberrazioni, come ci ha insegnato l’11 settembre. Che l’ex filosofo marxista sia sulla via del misticismo? L’autore Régis Debray, filosofo e mediologo, è una figura di primo piano nel panorama politico e culturale francese. Ex consigliere di Mitterand, la sua fama è legata, oltre che alla produzione intellettuale, al suo impegno politico al fianco di Ernesto Che Guevara e Fidel Castro, che l’ha portato a trascorrere alcuni anni di prigione in Bolivia (dal 1967 al 1970).

Società, etica, politica

Conversazioni con Zygmunt Bauman

di Zygmunt Bauman, Keith Tester

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 192

Zygmunt Bauman, una delle figure più rappresentative della sociologia contemporanea, racconta il suo percorso intellettuale, mostrando come le sue analisi della modernità costituiscano la sostanza morale del rifiuto di accettare che il mondo non possa essere cambiato. In questo senso, il pensiero sociale costituisce una necessità umana. Società, etica, politica rappresenta per chi ha confidenza con il pensiero di Bauman una nuova prospettiva da cui coglierne l’essenza e per chi ancora non lo conosce un utile strumento per la sua comprensione. Gli autori Zygmunt Bauman è professore emerito di Sociologia nelle Università di Leeds e di Varsavia. Keith Tester insegna Teoria sociale nell'Università di Portsmouth.

L'università senza condizione

di Jacques Derrida, P. Aldo Rovatti

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 120

Un singolare volume sul destino delle nostre università in un momento in cui l'idea di università appare snaturata. Il nucleo insopprimibile di questa idea è per Derrida l'"incondizionatezza", la libertà intrinseca alla professione dell'insegnare. Rovatti è d'accordo ma a condizione di guardare con attenzione a quel che accade in casa nostra, dove il fantasma dell'azienda sembra restringere gli spazi e togliere slancio all'università stessa. Gli autori Jacques Derrida è una delle figure di maggior spicco della filosofia contemporanea. Cortina ha già pubblicato diversi suoi libri, tra cui "Spettri di Marx" (1994), "Ecografie della televisione" (1997) e "Speculare su Freud" (2000). Pier Aldo Rovatti è direttore del Dipartimento di filosofia dell'Università di Trieste e della rivista aut aut. Per Cortina ha pubblicato "L'esercizio del silenzio" (1992), "Per gioco" (con A. Dal Lago, 1993) e "Il paiolo bucato" (1998).

L'avventura della ricerca

Da Socrate a Einstein Storia degli uomini che hanno inventato il mondo

di Daniel J. Boorstin

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 436

Per millenni il genere umano ha cercato di capire la propria natura e il mondo in cui vive. Dall’imperativo di Socrate “conosci te stesso” alle indagini su psiche, società e ambiente si è dipanata un’“avventura della ricerca” che lo storico e divulgatore americano Daniel Boorstin ricostruisce attraverso appassionanti ritratti dei grandi scopritori/inventori del cosmo umano. Comincia dai profeti e filosofi dell’antichità per finire con le immagini dell’uomo che oggi ci restituiscono non solo gli scienziati sociali ma anche artisti e poeti. Raccontata come un’epopea, la storia della riflessione umana attraverso i secoli in un affresco di grande respiro che non può non stimolare chiunque voglia avventurarsi sulla strada della conoscenza. L’autore Daniel J. Boorstin, storico, è tra i pochi divulgatori ad avere vinto i più prestigiosi premi americani (Parkman, Bancroft e Pulitzer) per la qualità “letteraria” dei suoi testi, tradotti in oltre 20 lingue.

Figure del desiderio

Corpo, testo, mancanza

di Ugo Volli

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 376

Desideriamo il cibo e la persona amata, il potere e la bellezza, un gadget e la droga: oggetti reali ma soprattutto racconti, simulacri. Riportato ai suoi limiti biologici, il desiderio si fa bisogno, nella società diventa motivazione o utopia, con l’azione si costituisce in volontà. Il desiderio è l’ingrediente principale dell’industria del consumo e del consenso politico ed è la materia prima delle narrazioni e dei sogni. Ma cos’è davvero il desiderio? Come ci mobilita e ci differenzia? A partire dalla tradizione filosofica e dall’analisi semiotica questo libro delinea le figure del desiderio come forme del discorso ininterrotto che costituisce il soggetto. L’autore Ugo Volli insegna Semiotica all’Università di Torino. Critico teatrale di Repubblica e collaboratore di vari giornali, è autore, fra l’altro, di “Fascino” (Feltrinelli, 1999), “Apologia del silenzio imperfetto” (Feltrinelli, 1993), “Il libro della comunicazione” (Il Saggiatore, 1995).

L'incidente del futuro

di Paul Virilio

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 96

Diffidiamo sempre più della politica ma ci fidiamo ciecamente degli scienziati per il controllo dei progressi della scienza e il rispetto dell’etica. Virilio sferra la sua requisitoria contro un fondamentalismo tecnoscientifico che sta trasformando la realtà in telerealtà e la democrazia in una telecrazia per cittadini infantilizzati. Ciò che ci aspetta è un futuro senza avvenire, privato di ciò che è semplicemente umano, aperto solo all’incidente possibile e alla sua mondovisione (le Torri gemelle insegnano). L’autore Paul Virilio, filosofo tra i più originali nel panorama internazionale, insegna al Collège International de Philosophie di Parigi. Con Cortina ha già pubblicato "La bomba informatica" (1999).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.