Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Psicoanalisi

L'illusione: una certezza

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 112

In "L’avvenire di un’illusione" Freud sosteneva che le religioni, come espressione di un pensiero illusorio, sarebbero ben presto tramontate. Si sbagliava. Il pensiero illusorio è tuttora vivo e l’illusione continua a essere il propellente principale di miti, fiabe, sogni e idealizzazioni; c’è illusione nell’innamoramento, nel gioco, nella creatività e in qualsiasi relazione oggettuale, compresa la relazione analitica. È possibile un uso terapeutico dell’illusione? Questo libro mostra come essa sia un prodotto psichico ineliminabile, persino necessario, dato che è all’origine di tutto ciò che la nostra mente può inventare per assicurarci benessere psichico.   Il curatore Anteo Saraval è membro e didatta della Società psicoanalitica italiana ed è stato segretario dell’Istituto milanese di psicoanalisi. Nelle nostre edizioni ha già pubblicato "La seduzione".

La coscienza in psicoanalisi

di Antonio Alberto Semi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 144

Da dove origina la coscienza? Possiamo in qualche modo definirla o almeno cercare di descriverla? La coscienza, e in particolare uno dei suoi aspetti fondamentali, il giudizio, ha nella pratica clinica psicoanalitica una estrema e non sufficientemente approfondita importanza. Partendo dall’eredità di Freud, che sostenne la necessità di un “sistema conscio” ma concluse che la coscienza si sottraeva caparbiamente a ogni tentativo di spiegazione, questo libro mette in evidenza alcune caratteristiche individuabili dell’effetto di coscienza e le necessità di cui sembra essere l’espressione.   L’autore   Antonio Alberto Semi, analista con funzioni di training della Società psicoanalitica italiana, vive e lavora a Venezia. Ha curato le "Opere scelte di Freud" (Bollati Boringhieri, 1999). Nelle nostre edizioni ha pubblicato "Tecnica del colloquio" (1985), "Dal colloquio alla teoria" (1992), "Venezia in fumo" (1996) e "Introduzione alla metapsicologia" (2001), oltre ad aver ideato e curato il "Trattato di psicoanalisi" (1988-1989).

I sogni che voltano pagina

di Jean-Michel Quinodoz

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 144

“Ho fatto un sogno folle, non ne uscirò mai.” Certi sogni spaventano i pazienti perché sembrano testimoniare un passo indietro nella terapia. Invece sono spesso il segno di un progresso, dato che rivelano la struttura dei fantasmi dell’inconscio alla base del problema del paziente, consegnando le chiavi per la soluzione. Quinodoz li chiama “i sogni che voltano pagina”, mettendo in luce la necessità di integrare l’approccio classico all’interpretazione dei sogni e richiamando l’attenzione su uno degli aspetti più importanti della fine dell’analisi.   L’autore Jean-Michel Quinodoz, psicoanalista, è membro formatore della Società Svizzera di Psicoanalisi e dell’Associazione Psicoanalitica Internazionale fondata da Freud.

Curare con la psicoanalisi

Percorsi e strategie

di Giuseppe Di Chiara

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 152

Frutto di un lungo lavoro clinico e di insegnamento, "Curare con la psicoanalisi" raccoglie i risultati delle esperienze dell’autore con i diversi apporti che alla psicoanalisi sono venuti nel corso degli anni, con particolare riferimento a quanto è stato elaborato nel gruppo degli psicoanalisti italiani. L’attenzione è focalizzata non sulla psicoanalisi dei diversi modelli o delle molteplici scuole ma, al contrario, sulla psicoanalisi pensata come dottrina scientifica e pratica clinica unitaria e coerente, fiera dei progressi compiuti e aperta alle nuove acquisizioni fornite dall’esperienza e dalla sua elaborazione teorica. L’autore Giuseppe Di Chiara, psicoanalista, è stato presidente della Società psicoanalitica italiana negli anni 1993-1997. Tra le sue pubblicazioni segnaliamo, in questa stessa collana, "Sindromi psicosociali" (1999).

Il lavoro clinico

Seminari di San Paolo e Ribeirão Preto

di Antonino Ferro

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 144

Questo libro prende spunto da seminari tenuti da Antonino Ferro in Brasile. I commenti dell’autore alle sedute psicoanalitiche presentate alla supervisione sono riportati nella loro integrità e freschezza. Quando, come in questi seminari, il materiale clinico viene letto al momento, il supervisore “recita a soggetto”: tale dimensione quasi teatrale consente di vedere all’opera il modello clinico dell’autore e come esso si perfezioni nell’interazione con il pubblico. Ai seminari clinici si aggiungono due seminari che evidenziano il modello teorico dell’autore, definitosi anche attraverso le numerose occasioni di lavoro con colleghi di tutto il mondo. L’autore Antonino Ferro è membro ordinario con funzioni di training della Società psicoanalitica italiana e della International Psychoanalytical Association. Nella collana di Psicologia clinica e psicoterapia ha pubblicato "La tecnica nella psicoanalisi infantile" (1992), "Nella stanza d’analisi" (1996), "La psicoanalisi come letteratura e terapia" (1999), "Teoria e tecnica nella supervisione psicoanalitica" (2000), "Fattori di malattia, fattori di guarigione" (2002), tradotti in varie lingue.

La babele dell'inconscio

Lingua madre e lingue straniere nella dimensione psicoanaliticaNuova edizione

di Mehler Jacqueline Amati, Simona Argentieri

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: pp. 456

Quale relazione esiste tra linguaggio e affettività? Che cosa accade quando si pensa, si parla, si sogna in più lingue? Gli autori assicurano che chi possiede due lingue non perde l’anima, a patto che non si considerino “straniere” tra loro le parti di sé che parlano, pensano, amano e sognano in lingue diverse e, in questa nuova edizione, portano a sostegno delle loro concezioni i risultati più recenti delle neuroscienze. Un testo di grande attualità date le dinamiche del mondo contemporaneo, destinate a far crescere gli incontri tra persone legate a tradizioni linguistiche diverse. Gli autori Jacqueline Amati Mehler, laureata in medicina a Buenos Aires, si è specializzata in psichiatria presso la Harvard University. Simona Argentieri è membro ordinario della A.I.Spi. (Associazione Italiana di Psicoanalisi). Jorge Canestri, medico e psicoanalista, è membro ordinario dell’A.I.Spi.

Neuropsicoanalisi

Un'introduzione clinica alla neuropsicologia del profondo

di Solms Karen Kaplan, Mark Solms

editore: Raffaello Cortina Editore

Nel suo "Progetto di una psicologia" (1895) Freud tentò di unire la disciplina nascente della psicoanalisi con le neuroscienze dell'epoca. Ma, per mancanza di conoscenze adeguate, fu costretto ad abbandonare il suo proposito. Oggi i progressi acquisiti ci consentono, come gli autori di questo volume mostrano, di proporre un nuovo metodo scientifico che integri la psicoanalisi con le neuroscienze, aprendo una vasta gamma di prospettive nello studio della vita mentale.

Il modello relazionale

Dall’attaccamento all’intersoggettività

di Stephen A. Mitchell

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 208

L'autore ha sviluppato una nuova e convincente teoria psicoanalitica per il XXI secolo, esposta con chiarezza e passione.

Fattori di malattia, fattori di guarigione

Genesi della sofferenza e cura psicoanalitica

di Antonino Ferro

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 176

Viene indagata la genesi della sofferenza psichica, evidenziando il lavoro "a quattro mani" che costantemente analista e paziente fanno insieme. In particolare, attraverso continue esemplificazioni cliniche, si focalizza l'attenzione sul funzionamento/disfunzionamento mentale dell'analista in relazione con il paziente e sui rimedi che la cura psicoanalitica offre al dolore psichico. Con questo libro l'autore continua il percorso intrapreso nei precedenti volumi, che sono oggetto di studio in molti Istituti di psicoanalisi nel mondo.   L'autore Antonino Ferro è membro ordinario con funzioni di training della Società psicoanalitica italiana e della International Psychoanalytical Association. Da anni tiene seminari e supervisioni presso molte società di psicoanalisi in Europa, Nordamerica e Sudamerica. Nella stessa collana ha già pubblicato "La tecnica nella psicoanalisi infantile" (1992), "Nella stanza d'analisi" (1996), "La psicoanalisi come letteratura e terapia" (1999) e "Teoria e tecnica nella supervisione psicoanalitica" (2000).

Il caso clinico

Dal colloquio alla diagnosi

di Nancy McWilliams

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 304

La formulazione psicoanalitica, che differisce dalla diagnosi in senso stretto, implica un maggiore impegno da parte del clinico, che deve valutare le difese, le identificazioni, l’autostima ecc. A ognuno di questi argomenti l’autrice dedica un capitolo, non tralasciando di chiarire i rapporti tra formulazione di un caso, primi colloqui e terapia vera e propria. Il volume è un ottimo manuale per lo studente e una guida per il professionista, impegnati nella pratica o nella formazione in psicoterapia.

Opere Vol. IV

Vol. IV 1927/1933

di Sándor Ferenczi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 312

Gli scritti che compongono il quarto volume delle Opere di Sándor Ferenczi sono i più originali, quelli in cui si avverte la singolarità delle riflessioni dell’ultimo periodo della sua vita: per esempio, l’appassionata ricerca del bambino che c’è in ogni paziente e l’importanza fondamentale del trauma infantile. Quando furono elaborate, queste teorie sconcertarono gli psicoanalisti di stretta osservanza freudiana. Adesso ci appaiono come il nucleo essenziale della psicoanalisi, e si potrebbe affermare che i suoi sviluppi più promettenti si basano sulle idee espresse per primo da Ferenczi oltre settant’anni fa.   L’autore Sándor Ferenczi, amico e allievo di Freud, è considerato uno dei fondatori della psicoanalisi. Oltre ai tre volumi delle “Opere” (vol. I, 1908-1912; vol. II, 1913-1919; vol. III, 1919-1926), Cortina ha pubblicato “Lettere, epistolario con Sigmund Freud” (vol. I, 1908-1914; vol. II, 1914-1919), “Diario clinico” e “Thalassa”.

Scritti

1953-1985

di Eugenio Gaddini

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 914

Eugenio Gaddini ha dato un contributo di grande rilievo e originalità al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Le ricerche sull'imitazione, sull'aggressività e sul processo della scena primaria sono i capisaldi su cui poggia una teoria del Sé tutta ricavata dall'esperienza clinica. Nell'ambito di questa teoria Gaddini ha formulato i concetti di "area psicosensoriale" e di "organizzazione mentale di base", ha indagato l'"invenzione" dello spazio e l'inizio della memoria nella mente infantile, l'origine della conoscenza e della creatività, la natura delle angosce e delle difese che segnano, nel processo di crescita del bambino e nel processo psicoanalitico, il passaggio dal Sé totale al Sé individuale, ossia la nascita psicologica dell'individuo. Il volume viene riproposto in edizione rilegata in brossura.   L'autore Eugenio Gaddini (1916-1985) è stato una delle figure di primo piano nel panorama psicoanalitico italiano. Dal 1978 al 1982 è stato presidente della Società italiana di psicoanalisi, svolgendo un ruolo di grande rilievo sia a livello scientifico che a livello didattico.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.