Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Psicoanalisi

Scritti scelti

A cura di Diego Miscioscia

di Franco Fornari

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 536

Dagli scritti che delineano un nuovo modello dell'inconscio alle riflessioni sulla guerra e la pace, dai testi che definiscono la teoria dei codici affettivi alle considerazioni sul rapporto tra psicoanalisi e istituzioni, questa antologia consente di accostarsi a tutti gli aspetti principali del pensiero di Franco Fornari. Si tratta di contributi ancora oggi molto attuali, che descrivono la maturazione di un pensiero creativo capace di spaziare dalla psicoanalisi alla sociologia e che hanno portato l'autore a rifondare la pratica psicoterapeutica. Franco Fornari (1921-1985), uno dei più influenti psicoanalisti italiani, è stato per molti anni direttore dell'istituto di Psicologia dell'Università Statale di Milano e dal 1973 al 1978 ha ricoperto la carica di presidente della Società italiana di psicoanalisi.

La violenza delle emozioni

Bion e la psicoanalisi postbioniana

di Giuseppe Civitarese

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 224

L'autore coniuga la capacità di introdurre il lettore nel clima intimo della seduta d'analisi con un'appassionata rilettura di Bion, per valorizzare sia la natura empirica della psicoanalisi sia la sua capacità di originare ipotesi illuminanti sul funzionamento della mente. Alternando esemplificazioni cliniche e argomentazioni teoretiche, si focalizza l'attenzione sulla centralità delle emozioni nella vita psichica, tema che l'autore ritrova nel pensiero di Bion e che intende come un modo per indagare i livelli più primitivi e profondi del mentale. Giuseppe Civitarese, psichiatra e psicoanalista, è membro della Società psicoanalitica italiana e dell'International Psychoanalytic Association. È tra gli autori di Sognare l'analisi. Sviluppi clinici del pensiero di Bion (Bollati Boringhieri, 2007).

La situazione psicoanalitica come campo bipersonale

Nuova edizione

di Madeleine Baranger, Willy Baranger

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 226

Definendo la situazione dell’analisi come “campo bipersonale”, cioè come struttura risultante dall’incontro tra le vite mentali dell’analista e del paziente, Willy e Madeleine Baranger hanno dato un contributo rivoluzionario alla teorizzazione psicoanalitica. Tale contributo di straordinaria vitalità viene reso nuovamente disponibile in questa edizione, accresciuta di nuovi scritti fondamentali per mettere a fuoco i differenti aspetti di un modello che conserva grande freschezza e originalità. Gli autori Willy e Madeleine Baranger sono tra gli autori più creativi nella storia della psicoanalisi. Analisti didatti, membri della Società psicoanalitica argentina, hanno ricoperto importanti cariche all’interno della Società dell’America Latina.

Sotto la pelle

Psicoanalisi delle modificazioni corporee

di Alessandra Lemma

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 256

Ciò che porta a modificare la superficie del proprio corpo e aspetto, abita nel mondo interno della persona, sotto la pelle.

Il metodo delle libere associazioni

di Antonio Alberto Semi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 154

Questo libro mostra come il metodo psicoanalitico si attui, che motivazioni abbia, quali ostacoli incontri e quali aperture illuminanti consenta su se stessi.

Il modello kleiniano-bioniano

Volume secondo: Applicazioni cliniche

di James S. Grotstein

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 320

Un manuale volto a spiegare il modo in cui lavora un analista principalmente dalla prospettiva kleiniana e bioniana. James Grotstein, uno dei teorici più innovativi della psicoanalisi contemporanea, illustra le teorie cui si rifanno gli analisti kleiniani, i postkleiniani e quelli informati all’impostazione bioniana, per poi trasformare queste teorie in una originale sintesi personale. Mentre nel primo volume l’attenzione è focalizzata sulla tecnica e sulle idee a cui è improntata, nel secondo si prende in esame il modo in cui lo psicoanalista può mantenere al meglio il setting psicoanalitico, ascoltare le libere associazioni del paziente e infine intervenire con delle interpretazioni. James Grotstein, psicoanalista, insegna presso la David Geffen School of Medicine di Los Angeles. Nella collana di Psicologia clinica ha pubblicato Un raggio di intensa oscurità (2007).

Il modello kleiniano-bioniano

Volume primo: Teoria e tecnica

di James S. Grotstein

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 432

Un manuale volto a spiegare il modo in cui lavora un analista principalmente dalla prospettiva kleiniana e bioniana. James Grotstein, uno dei teorici più innovativi della psicoanalisi contemporanea, illustra le teorie cui si rifanno gli analisti kleiniani, i postkleiniani e quelli informati all’impostazione bioniana, per poi trasformare queste teorie in una originale sintesi personale. Mentre nel primo volume l’attenzione è focalizzata sulla tecnica e sulle idee a cui è improntata, nel secondo si prende in esame il modo in cui lo psicoanalista può mantenere al meglio il setting psicoanalitico, ascoltare le libere associazioni del paziente e infine intervenire con delle interpretazioni. James Grotstein, psicoanalista, insegna presso la David Geffen School of Medicine di Los Angeles. Nella collana di Psicologia clinica ha pubblicato Un raggio di intensa oscurità (2007).

Illusioni e disillusioni del lavoro psicoanalitico

di André Green

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 208

Green propone qui un’ampia indagine clinica, accompagnata da numerosi esempi in cui il lavoro analitico si è rivelato deludente.

I colori dell'odio

Analisi di una passione e delle sue maschere

di Niels P. Nielsen

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 336

L’odio si accumula sulle tracce delle mancanze ma è anche un elemento costitutivo dell’animo umano. Utile segnale di pericolo, protegge dalla disintegrazione mentale ed è spesso l’ultimo baluardo contro il crollo psicotico. Secondo l’autore, l’accoglimento e l’elaborazione dell’odio da parte dell’analista possono avviare un processo evolutivo. Come mostrano le numerose esemplificazioni cliniche, l’odio è correlato non solo ad aspetti distruttivi ma anche a momenti evolutivi sia del pensare sia dell’esistere. Niels Peter Nielsen, psicoanalista e membro ordinario della Società psicoanalitica italiana, ha pubblicato nella collana di Psicologia clinica Pillole o parole (1998).

Le forme vitali

Psicologia, psicoterapia, sviluppo ed espressione artistica dell’esperienza dinamica

di Daniel N. Stern

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 156

La vitalità assume molti aspetti ed è presente ovunque, nella vita quotidiana, nello sviluppo psicologico, in psicoterapia e in diverse forme d’arte. Ma che cos’è esattamente questo senso di vitalità che ci rende vivi agli occhi di noi stessi e degli altri? In questo libro straordinario, Daniel Stern mostra come lo studio della vitalità e delle sue origini evolutive possa contribuire al processo psicoterapeutico, evidenziando una convergenza fra le teorie della vitalità e le attuali conoscenze sul funzionamento del cervello. Daniel Stern è una delle figure di maggior prestigio della psicoanalisi e della psicoterapia contemporanea. Nelle nostre edizioni ha pubblicato Le relazioni madre-bambino (1998) e Il momento presente (2005).

Una nuova interpretazione dei sogni

di Tobie Nathan

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 208

Ciascuno di noi sogna probabilmente da quattro a cinque volte per notte. Ma un sogno non interpretato è come una lettera che nessuno legge: il sogno si realizza a partire dalle parole dell’interprete e tali parole possono aiutare ognuno di noi nei momenti difficili che ci accade di attraversare. Sulla base della propria esperienza di terapeuta e integrando i dati più recenti di discipline come la neurofisiologia, la psicofisiologia, l’antropologia, la psicoanalisi e perfino la mitologia, Tobie Nathan segna qui un punto di svolta nell’analisi, che data da Freud, dell’interpretazione dei sogni. L'autore Tobie Nathan è professore di Psicologia all’Università Paris-VIII. In italiano sono stati pubblicati Principi di etnopsicoanalisi (Bollati Boringhieri, 1996) e Non siamo soli al mondo (Bollati Boringhieri, 2003).

La svolta relazionale

Itinerari italiani

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 278

La prima parte del volume è dedicata alla descrizione delle basi teoriche del paradigma relazionale, esplorandone radici, caratteristiche e “contaminazioni” culturali. Viene inoltre indagato come la teoria dell’attaccamento e la ricerca in psicoterapia siano entrate in dialogo con il paradigma relazionale. La seconda parte è dedicata alla ricostruzione della diffusione in Italia del pensiero relazionale, in ambito editoriale, accademico, associativo e dei training. In particolare, lasciando la parola ad alcuni “protagonisti”, viene esplorato come la svolta relazionale abbia influenzato le scuole e le società di psicoterapia (freudiane, junghiane, cognitiviste, ecc) nazionali.  Biografia dei curatori  Vittorio Lingiardi insegna Psicologia clinica all’università di Roma La Sapienza. Gherardo Amadei insegna Psicologia del ciclo di vita all’Università di Milano Bicocca. Giorgio Caviglia insegna Psicologia dinamica alla Seconda Università di Napoli. Francesco De Bei insegna Progettazione e valutazione dell’intervento psicologico all’Università di Torino. Contibuti di G. Amadei, G. Caviglia, N. Dazzi, F. De Bei, S. Federici, M. Giannoni, V. Lingiardi, G. Liotti, G. Meterangelis, G. Moccia, G. Nebbiosi, F. Vanni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.