Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Andrea Tagliapietra su Fahrenheit (Radio 3)

"La parola sincerità può essere splendida e terribile al tempo stesso... Può essere una parola positiva che sostiene il nostro essere al mondo nella maniera più onesta possibile ma può essere anche molto negativa nel momento in cui viene usata in una dichiarazione come "Ti dirò tutto senza nasconderti nulla". Questa frase non ha nessuna intenzione amichevole ma ha intenzione di ferire e colpire"

Andrea Tagliapietra

LA BELLA INTERVISTA DI FAHRENHEIT

 

Il libro

Alla sincerità come franchezza e veridicità la riflessione morale, da Aristotele a Sant’Agostino, da Montaigne a Rousseau e Kant, fino ai contemporanei, ha dedicato pagine fra le più notevoli del canone filosofico. Eppure, la sincerità non nomina il nostro rapporto con la verità se non attraverso la relazione che intratteniamo con gli altri e soprattutto con noi stessi. Nel mondo della vita la sincerità appare modulata in formule e frasi fatte, adattata alla diversità delle situazioni, dei toni e dei gesti. La sincerità è pretesa dagli amanti, giurata nei tribunali, temuta dai traditori, fuggita dai bugiardi e dagli ipocriti, ma anche evocata sia per ingannare meglio sia per testimoniare, se necessario contro tutto e tutti, la dignità del vero e di chi eroicamente gli si affida. Così la sincerità spalanca innanzi ai nostri occhi l’immenso teatro sociale dei ruoli e delle interazioni come spazio simbolico in cui gli individui sono impegnati a costruirsi, cercando la misura della propria autenticità.

Andrea Tagliapietra insegna Storia delle idee, Storia della filosofia moderna e contemporanea ed Ermeneutica filosofica presso la facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Tra le sue pubblicazioni più recenti Il dono del filosofo. Sul gesto originario della filosofia (Torino 2009) e Icone della fine. Immagini apocalittiche, filmografie, miti (Bologna 2010).

Sincerity - Sincerità

di Andrea Tagliapietra

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 182

To sincerity, meaning frankness and truthfulness, moral reflection has devoted some of most remarkable pages in the philosophical canon, from Aristotle to St. Augustine, from Montaigne to Rousseau, from Kant to contemporary philosophers. Nonetheless, sincerity will envisage our relationship with truth only through the relationship we keep with other people and, most of all, with ourselves. In real life, sincerity is somehow adjusted to commonplace patterns and hackneyed phrases, adapted to different situations, tones and gestures. Sincerity is demanded by lovers, sworn in courts, feared by traitors, shunned by liars and hypocrites. It is evoked to deceive, but also to testify, if necessary against the whole world, the dignity of truth and of all those who heroically believe in it. Hence, sincerity opens up, in front of our eyes, an immense social theatre of roles and interactions, a symbolic space in which individuals are engaged to build and shape themselves, seeking the dimension of their own authenticity.   The Author Andrea Tagliapietra teaches History of Modern Philosphy at the University Vita-Salute San Raffaele, Milan.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.