Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Bookcity: a Milano dal 13 al 16 Novembre 2014

Tutti i nostri autori e gli eventi in programma a Bookcity 2014

Marc Augé (Il tempo senza età)
Invecchiare senza età
Sabato 15 Novembre ore 17,00
La Cavallerizza, Via Foldi, 2

Giulio Giorello (Direttore della collana Scienza e Idee)
Pensieri nomadi. Il vagabondare delle idee nel mondo della scoperta e dell’invenzione
Sabato 15 Novembre ore 19,00
Museo Civico di Storia Naturale, Corso Venezia, 55

Gian Piero Piretto (Memorie di Pietra)
Cattedrali profane per il culto del potere
Domenica 16 Novembre ore 14,30
Fondazione Piero Portaluppi, Via E. Morozzo Della Rocca, 5
 

Vittorio Lingiardi (La personalità e i suoi disturbi)
La personalità è il destino
Domenica 16 Novembre ore 14,30
Sala Colonne del Circolo Filologico, via Clerici 10

 

Sabato 15 Novembre ore 17,00
La Cavallerizza, Via Foldi 2

Marc Augé
INVECCHIARE SENZA ETA’

Presentazione del nuovo libro Il tempo senza età


Raggiunta l’età in cui succede che qualcuno sul metrò si alzi per cedergli il posto, Marc Augé scava nei propri ricordi personali per sviluppare  una riflessione, acuta e delicata, sul tempo che passa. “Conosco la mia età, posso dichiararla, ma non ci credo”, scrive il grande antropologo per evidenziare la differenza tra il tempo e l’età. Perché sono gli altri a dire che siamo vecchi, a definirci secondo luoghi comuni, ma questa etichetta resta superficiale e lontana da quel che avvertiamo dentro di noi. Dunque, la vecchiaia non esiste. Certo, i corpi si logorano ma la soggettività resta, in qualche modo, fuori dal tempo ed è così che, come scrive Augé alla fine di questo libro luminoso, “tutti muoiono giovani”.

Con Marc Augé intervengono Stefano Allovio e Ugo Fabietti


Marc Augé, etnologo e scrittore, è stato presidente dell’École Des Hautes Études en Sciences Sociales dal 1985 al 1995. Nelle nostre edizioni ha pubblicato, tra gli altri, Diario di un senza fissa dimora (2011).

Stefano Allovio, antropologo e professore di Antropologia culturale all'Università degli Studi di Milano.

Ugo Fabietti, antropologo e professore ordinario di Antropologia culturale all’Università degli Studi di Milano Bicocca

 

Sabato 15 Novembre ore 19,00  
Museo Civico di Storia Naturale, Corso Venezia 55

 

Giulio Giorello
PENSIERI NOMADI. IL VAGABONDARE DELLE IDEE NEL MONDO DELLA SCOPERTA E DELL’INVENZIONE

Venti anni della Collana Scienza e Idee
 

È il 1994 e siamo a una delle prime presentazioni di un testo della collana Scienza e Idee: in sala siedono solo Giulio Giorello, l’editore Raffaello Cortina, e altre due persone. Giorello alla fine della presentazione si alza per stringere la mano ai due spettatori, la traduttrice del libro e suo marito: così ha inizio la storia di Scienza e Idee.

Oggi Raffaello Cortina Editore celebra vent’anni e 250 titoli della sua collana più eccentrica. Perché eccentrica?

Perché non si è mai rassegnata al «paesaggio gelato del conformismo» ma si è rivolta contro i luoghi comuni, la rigidità dei campi del sapere, i pregiudizi. Contro la credenza che la conoscenza sia elitaria, ha continuato a pubblicare libri rigorosi ma accessibili, in un linguaggio chiaro e comprensibile. Contro l’idea che la tradizione non possa essere anch’essa trasgressiva, ha valorizzato grandi classici altrimenti destinati a essere dimenticati.

Scienza e Idee ha avuto il coraggio di mischiare ambiti diversi, nella convinzione che il confronto tra le discipline sia alla base della cultura e che essa progredisca anche grazie ai propri errori. Spesso il risultato è stato sorprendente, restituendo un’immagine dei grandi della scienza un po’ più umani e simili a noi: abbiamo così scoperto che il genio dei quanti Dirac era un appassionato lettore di Topolino, mentre la «Scommessa su Dio» di Pascal è nata grazie a una recondita passione per il gioco d’azzardo.

I libri di Scienza e Idee sono i migliori testimoni per mostrare quante storie diverse tra loro sono presenti nella collana: al suo interno trovano spazio sia grandi best seller come L’anima e il suo destino di Vito Mancuso, sia long seller che da anni continuano a ricevere l’attenzione del pubblico come Alice nel paese dei quanti di Robert Gilmore. Nella collana attualità e tradizione sono egualmente presenti: Internet ci rende stupidi? di Nicholas Carr ha aperto un dibattito su come la rete sta cambiando il nostro rapporto col mondo mentre Genio e follia di Karl Jaspers è un classico del ‘900 riportato all’attenzione dei lettori. So quel che fai di Giacomo Rizzolatti e Corrado Sinigaglia, successo internazionale tradotto in dodici lingue, è stato il libro che ha permesso di introdurre in Italia l’affascinante tema dei neuroni specchio. La collana nel corso degli anni si è aperta a nuovi orizzonti intrecciando più discipline: Il bonobo e l’ateo di Frans de Waal coniuga etica e etologia, il libro di Daniel Chamovitz Quel che una pianta sa costituisce una guida ai sensi nel mondo vegetale. Infine la divulgazione scientifica di qualità rappresenta da sempre il fiore all’occhiello della collana: ne sono esempio Il dito di Galileo di Peter Atkins, La realtà non è come ci appare del fisico Carlo Rovelli – vero e proprio caso editoriale del 2014 – e Dimostrare l’impossibile di Claudio Bartocci, novità in uscita prevista a Novembre.

Introduce Fabrizio Gasparetto

Giulio Giorello, professore di filosofia della scienza presso l'Università degli Studi di Milano, direttore della collana “Scienza e Idee”, Raffaello Cortina Editore.

 

Domenica 16 Novembre ore 14,30  
Fondazione Portaluppi, via E. Morozzo della Rocca 5

 

Gian Piero Piretto
 CATTEDRALI PROFANE PER IL CULTO DEL POTERE

Presentazione del libro Memorie di pietra

I totalitarismi del Novecento sono stati quasi integralmente liquidati. Sopravvivono fragili fasce di resistenza sui fronti politici, atteggiamenti emotivi non facili da qualificare che si sviluppano tra mitologia e folclore. Restano, soprattutto, tracce architettoniche vistose e magniloquenti, portatrici non solo di storia ma anche di cultura, spettacolo, mentalità. In questa chiave, i saggi qui presentati affrontano il problema della monumentalità totalitaria e delle sue svariate applicazioni in regimi diversi. I Paesi coinvolti non coprono, per ovvi motivi, tutte le possibilità che la situazione universale offre a chi si voglia occupare di rovine o macerie architettoniche, estetiche della politica, ideologie manifeste o criptate. I contributi raccolti nel volume riguardano Italia, Germanie (ddr e Terzo Reich), Cecoslovacchia, Jugoslavia, Unione Sovietica, Albania, Corea del Nord, Cuba. Letture, interpretazioni, indagini illustrate da immagini stupefacenti, che coinvolgono architettura, cinema, antropologia, filosofia, storia culturale, cultura visuale, scienze umane.

Con Gian Piero Piretto interviene Mauro Querci

Gian Piero Piretto insegna Cultura russa e metodologia della cultura visuale all'Università degli Studi di Milano.

Mauro Querci, giornalista.

Domenica 16 Novembre ore 14,30
Sala Colonne del circolo Filologico, via clerici 10

Vittorio Lingiardi
 LA PERSONALITA’ E’ IL DESTINO

Presentazione del libro La personalità e i suoi disturbi

Nella cornice della psicologia dinamica, questo importante manuale affronta la valutazione e il trattamento dei disturbi della personalità in uno spirito di aggiornamento continuo (i riferimenti diagnostici sono al DSM-5), integrando i contributi della psicologia accademica, della psichiatria, delle neuroscienze, della teoria dell’attaccamento e dei modelli cognitivo-comportamentali. Dopo una rassegna dei principali modelli della personalità, la prima parte affronta l’impatto del trauma sullo sviluppo della mente, le relazioni tra psicopatologia, mentalizzazione e meccanismi di difesa, il rapporto tra sesso, genere, orientamento sessuale e personalità. La seconda parte, dedicata ai disturbi della personalità, passa in rassegna le caratteristiche descrittive, i modelli di comprensione e gli approcci terapeutici più efficaci. Nella terza parte vengono illustrati i principali modelli descrittivi ed esplicativi dei disturbi clinici più diffusi: le schizofrenie, i disturbi dell’umore, d’ansia, fobici e ossessivi, da uso di sostanze, psicosomatici e l’ipocondria.

Con Vittorio Lingiardi intervengono Giorgio Caviglia e Sandra Sassaroli

Vittorio Lingiardi, psichiatra e psicoanalista, è professore ordinario di Psicologia dinamica alla Sapienza Università di Roma, dove dal 2006 al 2013 ha diretto la Scuola di specializzazione in Psicologia clinica. Per Raffaello Cortina dirige la collana “Psichiatria Psicoterapia Neuroscienze”.

Giorgio Caviglia, psicologo, professore straordinario di Psicologia Clinica e Dinamica presso il Dipartimento di Psicologia della Seconda Università di Napoli.

Sandra Sassaroli, psichiatra e psicoterapista cognitivo-comportamentale, Direttore di studi cognitivi presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva.


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.