Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Eric Kandel a Bologna

Giovedì 19 maggio Eric Kandel, premio Nobel per la Medicina, presenterà il suo ultimo libro al Festival della Scienza medica di Bologna.
Appuntamento alle 19,00 al Salone del Podestà.

Introduce e coordina: Fabio Roversi Monaco

"Il grande studioso Eric Kandel tratta con estrema precisione scientifica e insieme vivacità critica l'alleanza tra la pittura d'avanguardia, la psicoanalisi e il dominio culturale di quello che fu definito inconscio"  Gillo Dorfles

La sfida centrale della scienza del XXI secolo è capire la mente umana in termini biologici. L’effettiva possibilità di vincere questa sfida s’è aperta alla fine del ‘900 quando la psicologia cognitiva, la scienza della mente si è fusa con la neuroscienza, la scienza del cervello. Mente e Cervello, la dicotomia classica della filosofia, l’errore di Cartesio come raccontato da un altro grande neuroscienziato come Antonio Damasio, torna nella riflessione scintillante di uno dei più importanti scienziati della contemporaneità, il premio Nobel del 2000, Eric Kandel. Scintillante e originale, nella scelta di una particolarissima forma d’arte, la ritrattistica, e specificamente quella del Modernismo a Vienna all’inizio del XX secolo. Sia questa forma d’arte, secondo Kandel, sia quel periodo, sono caratterizzati da una serie di tentativi pionieristici di collegare arte e scienza. Una grande lettura pubblica su arte e scienza per inaugurare la II° edizione del Festival della Scienza Medica di Bologna.  Genus Bononiae, tra Street Art, Hopper e Bologna Medicina.

L'età dell'inconscio

Arte, mente e cervello dalla grande Vienna ai nostri giorni

di Eric R. Kandel

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 622

Il premio Nobel Eric Kandel usa le sue straordinarie doti di divulgatore per portarci nella Vienna del Novecento, dove le figure più eminenti della scienza e dell’arte diedero l’avvio a una rivoluzione che avrebbe cambiato per sempre il modo di considerare la mente umana. Nei salotti viennesi dell’epoca si discutevano idee che avrebbero segnato una svolta nella psicologia, nella neurobiologia, nella letteratura e nell’arte. Tali idee portarono a progressi che esercitano ancora oggi la loro influenza. Sigmund Freud sconvolse il mondo mostrando come l’aggressività e i desideri erotici inconsci si esprimano simbolicamente nei sogni e nel comportamento. Arthur Schnitzler rivelò la sessualità inconscia delle donne con l’innovativo ricorso al monologo interiore. Gustav Klimt, Oskar Kokoschka e Egon Schiele diedero vita a opere di grande evocatività che esprimevano il piacere, il desiderio, l’angoscia e la paura. Scritto in modo magistrale e stupendamente illustrato, L’età dell’inconscio aiuta a capire i meccanismi cerebrali che rendono possibile la creatività nell’arte e nella scienza, aprendo una nuova dimensione nella storia intellettuale. L'autore Eric R. Kandel insegna alla Columbia University di New York e dirige il Center for Neurobiology and Behavior presso la stessa Università. Svolge inoltre attività di ricerca presso l’Howard Hughes Medical Institute. Nel 2000 è stato insignito del premio Nobel per la medicina grazie alle sue ricerche sui meccanismi biochimici che portano alla formazione della memoria nelle cellule nervose. Nelle nostre edizioni ha pubblicato Psichiatria, psicoanalisi e nuova biologia della mente (2007).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.