Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Festival della Scienza di Genova

Tutti i nostri appuntamenti al Festival della Scienza di Genova, dal 23 ottobre al 3 novembre.

Fiorenzo Conti (Claude Bernard e la nascita della biomedicina)
Mercoledì 30 ottobre ore 15,00 - Palazzo Ducale - Sala del Maggior Consiglio

Graham Farmelo (L'uomo più strano del mondo)
Domenica 3 novembre ore 17,30- Palazzo Ducale - Sala del Maggior Consiglio


Mercoledì 30 ottobre ore 15,00 - Palazzo Ducale - Sala del Maggior Consiglio

Fiorenzo Conti
Claude Bernard - Lectio Magistralis

Introduce Edoardo Boncinelli

Molto di quello che si fa nei laboratori di ricerca biomedica di oggi è legato a Claude Bernard. Fisiologo francese, tra i fondatori delle moderne scienze biomediche, ha influenzato la storia delle idee e la cultura occidentali. Fiorenzo Conti ne illustra la portata e l’attualità della visione filosoficoscientifica, inquadrandone la biografia nelle vicende culturali e politiche della Francia del tempo. Per la sua capacità di esemplificare esperimenti complessi o concetti filosofici e per l’enfasi che ha posto sul metodo, Bernard si presta a stimolare una discussione sulla natura e sulle implicazioni dell’impresa scientifica.  

IL LIBRO

Claude Bernard (1813-1878), grande fisiologo francese, è stato uno dei fondatori delle moderne scienze biomediche, un pensatore che ha fortemente influenzato la storia delle idee e la cultura occidentali. La ricorrenza del bicentenario della nascita (12 luglio 1813) è l’occasione propizia per proporre ai lettori italiani la figura e l’opera di questo studioso, che ha dato un importante contributo allo sviluppo della medicina scientifica. Per la natura dei suoi studi e per la sua riflessione sul metodo, Bernard si presta come pochi altri a stimolare una discussione sulla natura e sulle implicazioni della scienza.

Fiorenzo Conti è professore ordinario di Fisiologia presso la facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Politecnica delle Marche. Ha pubblicato numerosi contributi sulle più importanti riviste internazionali di scienza.
 

Domenica 3 novembre ore 17,30- Palazzo Ducale - Sala del Maggior Consiglio

Graham Farmelo
Paul Dirac, l'uomo più strano del mondo - Lectio Magistralis

Intervengono: Giulio Giorello, Claudio Barrtocci

Paul Dirac era l’uomo più strano del secolo: impacciato nella conversazione e mirabile nell’esposizione scientifica, timido con le donne, ma molto sensibile al fascino femminile, rigoroso con colleghi e studenti, ma appassionato di «Topolino», freddo “come un ghiacciolo”, ma pronto a battersi in difesa dei propri amici. “Era il fisico più bizzarro del mondo“, colui che ha ricostruito l’intero edificio della meccanica quantistica, ha “inventato” l’antimateria prima della conferma sperimentale, ha ripensato insieme la fisica del molto grande e del molto piccolo aprendo nuovi orizzonti nella comprensione dell’Universo. E tutto ciò, diceva lui, “lasciandomi prendere per mano dalla matematica”.


IL LIBRO

Paul Dirac (1902-1984), detto “il taciturno”, era una figura dalle mille contraddizioni, che dovevano fare di lui l’uomo più strano del secolo: impacciato nella conversazione e mirabile nell’esposizione scientifica, timido con le donne e insieme capace di lasciarsi attrarre dal fascino femminile, rigoroso con colleghi e studenti e intanto appassionato di Topolino, freddo “come un ghiacciolo”, ma anche pronto a battersi fino all’ultimo in difesa dei propri amici. Questo era “il fisico più bizzarro del mondo”, colui che ha ricostruito l’intero edificio della meccanica quantistica, ha “inventato” l’antimateria prima di qualsiasi conferma sperimentale, ha ripensato insieme la fisica del molto grande e del molto piccolo aprendo nuovi orizzonti nella comprensione dell’Universo. E tutto ciò, come lui stesso amava ripetere, “lasciandomi prendere per mano dalla matematica”.

“Una lettura davvero affascinante.” Peter Higgs

“Un libro splendido.” John Gribbin

Graham Farmelo è Senior Research Fellow al Science Museum di Londra e docente alla Northeastern University di Boston. Fisico e scrittore, è consulente di livello internazionale in comunicazione della scienza. Per la biografia di Paul Dirac ha ricevuto nel 2009 il Costa Book Award e nel 2012 il Los Angeles Times Book Prize.


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.