Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

I nostri premi Nobel

Nei giorni della consegna dei premi Nobel vogliamo ricordare tutti i nostri autori che hanno già vinto un Nobel.

Non solo scienziati ma anche attori, filosofi e pensatori.

Dario Fo, Eric Kandel, Rita Levi Montalcini, il Dalai Lama, Henri Bergson, Christian de Duve e Gerald Edelman.

DARIO FO
Dio è nero!


DVD di 50’ con libro con circa 50 illustrazioni a colori.
Con la prefazione di Felice Cappa e uno scritto di Telmo Pievani

Il dvd
Il monologo messo in scena al Museo di storia naturale di Milano il 13 febbraio 2011 in occasione dell’Evolution Day. Con il consueto stile arguto e irriverente, Fo mescola le ultime scoperte evoluzionistiche con il racconto dell’Antico Testamento, senza rinunciare a riferimenti provocatori alla politica e all’attualità.

Il libro
Il testo dello spettacolo, con circa 50 illustrazioni a colori inedite, disegnate da Dario Fo.

ERIC KANDEL
L'età dell'inconscio (in uscita ad ottobre)


Il premio Nobel Eric Kandel ci porta nella Vienna del Novecento, dove Sigmund Freud, Arthur Schnitzler, Gustav Klimt, Oskar Kokoschka e Egon Schiele diedero l’avvio a una rivoluzione che avrebbe cambiato per sempre il nostro modo di considerare la mente umana, i nostri pensieri e le nostre emozioni, consce e inconsce. Nei salotti viennesi dell’epoca si discutevano idee che avrebbero segnato una svolta nella psicologia, nella neurobiologia, nella letteratura e nell’arte.

Tali idee portarono a progressi che esercitano ancora oggi la loro influenza. Scritto in modo magistrale e stupendamente illustrato, L’età dell’inconscio è un libro che, dando voce a questioni poste nella Vienna dei primi del Novecento, fornisce anche una base per il futuro lavoro di ricerca nel campo delle neuroscienze e delle scienze umane.

Eric R. Kandel insegna alla Columbia University di New York. Nel 2000 è stato insignito del premio Nobel per la medicina grazie alle sue ricerche sulle basi fisiologiche della conservazione della memoria nei neuroni. Tra i suoi testi tradotti in italiano, Come funziona la memoria (Zanichelli, 2010) e, nelle nostre edizioni, Psichiatria, psicoanalisi e nuova biologia della mente (2007).

ERIC KANDEL
Psichiatria Psicoanalisi e nuova Biologia della Mente

Eric Kandel, vincitore nel 2000 del premio Nobel per la medicina e la fisiologia, analizza in una nuova prospettiva l’influenza della biologia sulla psichiatria contemporanea. L’idea centrale dell’autore, secondo cui una comprensione più profonda dei processi biologici di apprendimento e memoria getta luce sul comportamento e sui suoi disturbi, ha segnato una svolta rivoluzionaria nella nostra visione della biologia, della psichiatria e della psicoanalisi. Un contributo di enorme rilievo scientifico e una preziosa risorsa per le ricerche future.

RITA LEVI MONTALCINI
Cantico di una vita

"Continuo ad essere in luna di miele con i miei embrioni: ogni giorno il piccolo spiraglio che ho aperto si apre un pochino di più…". Così nel gennaio 1951 Rita Levi-Montalcini narra ai propri famigliari la scoperta che la porterà al premio Nobel. In queste lettere che coprono l'arco di un trentennio la grande studiosa italiana non dà solo un quadro di una ricerca che ha cambiato il volto della biologia contemporanea ma offre al lettore uno spaccato dall'interno della vita degli scienziati.

È una testimonianza di altissimo valore umano e civile: tre passioni, "semplici ma irresistibili", costituiscono il filo rosso di una grande esperienza intellettuale: l'affetto per i propri cari, l'impegno nella ricerca scientifica e infine il "prodigare tutta me stessa nell'aiuto al prossimo". E questo nello spirito di un cantico che dà ragione alla saggezza di Primo Levi: "Amare il proprio lavoro costituisce la migliore approssimazione concreta alla felicità sulla terra".

Rita Levi-Montalcini è nata nel 1909 a Torino dove si è laureata in medicina. Ha vinto il premio Nobel per la medicina nel 1986 per la scoperta e l'identificazione del NGF, il fattore di crescita del sistema nervoso.

DALAI LAMA
Nuove immagini dell'universo

Questi dialoghi vedono il Dalai Lama a confronto con cinque prestigiosi scienziati e con un grande storico in una approfondita indagine sui nuovi orizzonti aperti dagli studi più avanzati di cosmologia e di fisica. Che posto ha il pensiero in un mondo governato da leggi? E come la conoscenza della natura può aiutare la meditazione sui grandi temi della vita, della morte, del dolore e della felicità?

Un confronto tra spregiudicatezza scientifica e profonda spiritualità che rispetta i diritti della scienza come quelli dell’esperienza religiosa senza che l’una pretenda mai di annettersi le province dell’altra.

Il Dalai Lama, leader spirituale dei tibetani e premio Nobel per la pace nel 1989, è noto anche per il suo interesse per la scienza, che non gli fa perdere occasione di confrontarsi con gli scienziati sul loro terreno.

HENRI BERGSON
L'evoluzione creatrice

Davvero spirito e materia sono contrapposti? È rispondendo a questa domanda che il grande filosofo francese scrisse la sua opera più famosa "L'evoluzione creatrice". Tentando di superare il dualismo tra psiche e corpo, Bergson individua un unico e più profondo principio: materia e spirito devono essere considerate due diverse manifestazioni di un'identica attività creatrice presente a ogni livello della natura.

Vegetali, animali, uomo, sono forme diverse in cui si esprime lo slancio vitale, l'essenza ultima della natura: forza creativa allo stato puro. Un grande classico della filosofia (praticamente inedito in traduzione italiana) che sintetizza il pensiero di Bergson, uno dei personaggi più influenti della filosofia del Novecento.

Henri Bergson (1859-1941) è tra i massimi nomi della filosofia mondiale di ogni tempo. Nel 1928 ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura. In questa collana è stato pubblicato "Saggio sui dati immediati della coscienza" (2002).

HENRI BERGSON
Saggio sui dati immediati della coscienza

Agile e scritto in una lingua magistralmente chiara, questo è uno dei capolavori del pensiero contemporaneo. Contiene tutti i grandi temi della filosofia di Bergson e in particolare l’idea di durata, ovvero di un tempo qualitativo non riducibile al tempo spazializzato degli orologi. Questa originale nozione influenzerà l’intero orizzonte filosofico del Novecento ma anche zone consistenti dell’esperienza letteraria (Proust vi si ispirò direttamente). Finalmente un classico del pensiero si rende disponibile sul mercato in un’accurata traduzione.

TUTTI I LIBRI DI HENRI BERGSON

CHRISTIAN DE DUVE
Genetica del peccato originale

Per Christian de Duve, premio Nobel per la medicina nel 1974, il peccato originale della specie umana è la selezione naturale, che fa sì che sopravvivano i più adatti, cioè i più aggressivi e i più individualisti. Questo ha portato a una degenerazione dell’ambiente innescata dalle attività umane. L’uomo deve ora far leva sull’intelligenza, costringere il suo cervello a fare un gigantesco passo avanti, sostituendo alle pulsioni e agli istinti più primitivi un nuovo atteggiamento più solidale e altruistico verso i suoi simili e verso il mondo. È in gioco il futuro (forse) prossimo dell’intera umanità.

Christian de Duve, citologo e biochimico, ha insegnato alla Rockfeller University (New York) e all’Università Cattolica di Lovanio. In Italia ha pubblicato Polvere vitale (Longanesi, 1998), Alle origini della vita (Longanesi 2005) e, nelle nostre edizioni, Come evolve la vita (2003).

CHRISTIAN DE DUVE
Come evolve la vita

Forse non esiste in natura un evento più affascinante della comparsa della vita su questa terra. Christian de Duve, vincitore nel 1974 del premio Nobel per la Medicina, fa il punto su quel che ne sappiamo oggi a un secolo e mezzo da Darwin e a cinquant’anni dalla doppia elica del DNA. Non si tratta solo di narrare al passato la storia della vita ma anche di guardare al futuro di quel grande processo che chiamiamo evoluzione. De Duve conduce così il lettore agli interrogativi di fondo, alle domande sul senso della nostra esistenza, sui valori etici del nostro agire, sulle speranze della stessa impresa scientifica.

GERALD M. EDELMAN
Seconda natura


Il premio Nobel per la medicina Gerald Edelman presenta una nuova teoria della conoscenza, basata su affascinanti scoperte scientifiche relative al funzionamento del cervello. Per Edelman, non è possibile concepire la mente senza che sia “incorporata” e la sua indagine ha importanti implicazioni per la nostra comprensione della creatività e del funzionamento normale e anomalo del cervello.

Gerald M. Edelman è direttore del Neurosciences Insitute di San Diego, California. Tra le sue molte opere Darwinismo neurale (Einaudi 1995) e Più grande del cielo (Einaudi 2004).


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.