Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Pordenonelegge 2017

Tutti i libri, gli incontri e i nostri autori presenti a Pordenonelegge, in programma dal 13 al 17 settembre.

Sabato 16 settembre, ore 12.00 - Pala Provincia, Largo San Giorgio, 3
Mindscapes. I paesaggi che abitano la nostra mente
Con Vittorio Lingiardi e Massimo Recalcati

“Mindscape” è un neologismo per collocarci nel luogo dell’interazione tra la psiche e il paesaggio. In un paesaggio cerchiamo di dare forma e immagine a qualcosa che è già in noi. Una scoperta, un’invenzione e un ritrovamento. Fiumi, montagne, ruderi e spiagge abitano la nostra mente, i nostri viaggi e i nostri sogni. Come oggetti psichici sono immersi nella nostra memoria, e forse risalgono al primo incontro con il volto di chi ci ha guardato. O ha distolto lo sguardo.

Sabato 16 settembre, ore 17.00 - Palazzo Montereale Mantica, Corso Vittorio Emanuele II 56
Realtà delle cose e realtà umana
Lectio magistralis di John R. Searle

John R. Searle, uno dei più importanti filosofi del linguaggio, affronta una questione che attraversa tutto il pensiero contemporaneo: ciò che sappiamo dalla fisica e dalle altre scienze naturali – ovvero la realtà basic, in cui lo “stato delle cose” è completamente privo di significanza – come si rapporta con l’universo della coscienza, dell’etica, della socialità e dell’economia? La tradizione ci presenta questi due mondi come opposti - uno fisico e uno mentale - quando, secondo Searle, si tratta invece di uno stesso mondo distribuito su diversi livelli e sistemi.

Mindscapes

Psiche nel paesaggio

di Vittorio Lingiardi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 262

Il primo libro sul ruolo che hanno i luoghi e i paesaggi nel farci diventare ciò che siamo.

Creare il mondo sociale

La struttura della civiltà umana

di John R. Searle

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 304

Con la chiarezza e la profondità che lo contraddistinguono, John Searle ci mostra come creiamo il mondo sociale, un mondo fatto di denaro, proprietà privata, governi, matrimoni, mercati azionari e cocktail party. Mentre la realtà dei fatti naturali, delle “montagne” e delle “molecole”, esiste indipendentemente dalle nostre rappresentazioni, istituzioni come il matrimonio acquistano realtà solo in riferimento a un accordo convenzionale che gli uomini decidono intenzionalmente di stabilire. L’autore mette in luce le caratteristiche di queste istituzioni, che costituiscono il mondo della realtà culturale e sociale di cui tanto si parla. L'autore John Searle insegna Filosofia della mente e Filosofia del linguaggio all’Università della California, Berkeley. Nella collana Scienza e idee sono stati pubblicati Il mistero della coscienza (1998), Mente, linguaggio, società (2000), La razionalità dell’azione (2003) e La mente (2005).

Il mistero della coscienza

di John R. Searle

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 198

Che cos’è la coscienza? Cosa intendiamo quando diciamo “io”? Cosa vuol dire essere una persona? Searle affronta questi interrogativi attaccando radicalmente l’idea che la nostra mente possa essere considerata alla stregua del programma di un computer, come affermano i sostenitori più accesi dell’intelligenza artificiale. Ci sono modi della comprensione umana che sfuggono al programma più sofisticato e il nostro cervello è una struttura ben più complessa di qualsiasi macchina. In questa difesa dell’autonomia del mentale, a cui dedica da anni il suo talento critico e la sua grande lucidità espositiva, Searle dialoga con gli autori che hanno le posizioni più interessanti sul modo di risolvere “il mistero della coscienza”: i premi Nobel Francis Crick e Gerald Edelman, il fisico matematico Roger Penrose, il neuroscienziato (ispiratore di Oliver Sacks) Israel Rosenfield, insieme a filosofi che vanno per la maggiore come Daniel Dennett e David Chalmers. Il testo di Searle finisce col presentare il filo di Arianna per penetrare “nei labirinti della mente” in un linguaggio ammirevole per sintesi e chiarezza, senza mai cadere nella trappola dello specialismo. L'autore John Searle è professore di filosofia all’Università della California, Berkeley. Fra le sue opere tradotte in italiano ricordiamo Mente, cervello, intelligenza (Bompiani, 1988) e Atti linguistici (Bollati Boringhieri, 1992).

La mente

di John R. Searle

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 400

Prefazione di Michele Di FrancescoIl più autorevole studioso della mente offre un'introduzione, ammirevole per chiarezza e completezza, a una delle aree più interessanti della filosofia. "La filosofia della mente si distingue rispetto agli altri ambiti filosofici attuali per il fatto che tutte le sue teorie più famose e influenti sono false". Così, fin dall'Introduzione, Searle smonta queste famose e influenti teorie e propone nuove e straordinarie intuizioni sulla natura della mente e della coscienza. L'autore John R. Searle è professore di Filosofia della mente e di Filosofia del linguaggio all'Università della California, Berkeley. Nella collana "Scienza e idee" ha già pubblicato "Il mistero della coscienza" (1998), "Mente, linguaggio, società" (2000), "La razionalità dell'azione" (2003).

La razionalità dell'azione

di John R. Searle

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 320

Sono solo le azioni irrazionali, sostiene Searle, a essere causate da credenze e desideri: per esempio le azioni di una persona determinate dall’uso di sostanze stupefacenti. In genere, nelle azioni razionali c’è un divario tra il desiderio motivante e l’effettiva decisione presa. Il nome tradizionalmente attribuito a questo divario è “libero arbitrio”. Secondo Searle, qualsiasi attività razionale presuppone il libero arbitrio, per cui la razionalità è possibile solo dove è possibile una scelta tra diverse opzioni, sia razionali sia irrazionali. L’autore John Searle è professore di Filosofia della mente e di Filosofia del linguaggio all’Università della California, Berkeley. Nella collana Scienza e idee ha già pubblicato "Il mistero della coscienza" (1998) e "Mente, linguaggio, società" (2000).

Mente, linguaggio, società

La filosofia nel mondo reale

di John R. Searle

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 189

Una delle sintesi migliori della filosofia di uno dei migliori filosofi del nostro tempo, che tocca i temi della coscienza, del linguaggio e dei modi in cui gli uomini creano i significati e la cultura in cui vivono. Searle vorrebbe insegnarci a praticare la filosofia nel mondo reale, con il quale abbiamo a che fare quotidianamente. È il mondo dei fenomeni biologici, come la fotosintesi e la digestione, ma anche degli stati mentali come la coscienza e l’intenzionalità, che per Searle sono reali tanto quanto lo sono i tramonti, le montagne o le spiagge bagnate dal mare. L'autore John R. Searle è professore di Filosofia all’Università della California, Berkeley. Con la Raffaello Cortina ha pubblicato Il mistero della coscienza (1998).

Vedere le cose come sono

Una teoria della percezione

di John R. Searle

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 278

Molti hanno pensato e continuano a pensare che possiamo percepire direttamente soltanto le nostre esperienze soggettive e mai oggetti e stati di cose del mondo.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.