Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Biblioteca di psicoanalisi

Opere Vol.3°

Volume terzo 1919-1926

di Sándor Ferenczi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 450

NUOVA EDIZIONE IN BROSSURA

Opere Vol.2°

Volume secondo 1913-1919

di Sándor Ferenczi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 352

NUOVA EDIZIONE IN BROSSURA

Opere Vol.1°

Vol. primo 1908/1912

di Sándor Ferenczi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 266

“Gli scritti di Ferenczi hanno fatto di ogni psicoanalista un suo allievo”, scrive Sigmund Freud nel necrologio che gli dedica nel 1933, ma già nel 1914 aveva riconosciuto che “L’Ungheria ha dato finora alla psicoanalisi un collaboratore soltanto, Ferenczi, che vale però una Società intera”. Questo primo volume delle Opere di Sándor Ferenczi raccoglie dei classici della letteratura psicoanalitica come “Introiezione e transfert”, “Le parole oscene: saggio sulla psicologia della fase di latenza”, “Le psiconevrosi”, “Il ruolo dell'omosessualità nella patogenesi della paranoia”, “Sintomi transitori nel corso dell’analisi”, “Filosofia e psicoanalisi”. L'autore Sándor Ferenczi, amico e allievo di Freud, è considerato uno dei fondatori della psicoanalisi. Nelle nostre edizioni sono stati pubblicati, tra gli altri, Lettere. Epistolario con Sigmund Freud (vol. I, 1908-1914; vol. II, 1914-1919) e Diario clinico. Gennaio-Ottobre 1932.

Sperimentare l'inconscio

Scritti (1905-1927)A cura di Mauro Antonelli

di Vittorio Benussi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 496

Vittorio Benussi (1878-1927), esponente di spicco della scuola psicologica di Graz e fondatore della scuola di psicologia di Padova, è stato uno dei più rigorosi psicologi sperimentali del suo tempo. Questo volume presenta i principali lavori italiani di Benussi, composti dopo il suo trasferimento a Padova nel 1918: le ricerche di “analisi psichica reale” sulle allucinazioni, sui sogni, sul “sonno base”, tutti esempi di un approccio sperimentale a una concezione dinamica della vita psichica di tipo freudiano. Proporre oggi un’edizione critica degli scritti di Benussi significa invitare al confronto con uno psicologo geniale, la cui modernità può essere finalmente riconosciuta.   Il curatore Mauro Antonelli insegna Storia della psicologia all’Università di Milano-Bicocca.

Opere Vol. IV

Vol. IV 1927/1933

di Sándor Ferenczi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 312

Gli scritti che compongono il quarto volume delle Opere di Sándor Ferenczi sono i più originali, quelli in cui si avverte la singolarità delle riflessioni dell’ultimo periodo della sua vita: per esempio, l’appassionata ricerca del bambino che c’è in ogni paziente e l’importanza fondamentale del trauma infantile. Quando furono elaborate, queste teorie sconcertarono gli psicoanalisti di stretta osservanza freudiana. Adesso ci appaiono come il nucleo essenziale della psicoanalisi, e si potrebbe affermare che i suoi sviluppi più promettenti si basano sulle idee espresse per primo da Ferenczi oltre settant’anni fa.   L’autore Sándor Ferenczi, amico e allievo di Freud, è considerato uno dei fondatori della psicoanalisi. Oltre ai tre volumi delle “Opere” (vol. I, 1908-1912; vol. II, 1913-1919; vol. III, 1919-1926), Cortina ha pubblicato “Lettere, epistolario con Sigmund Freud” (vol. I, 1908-1914; vol. II, 1914-1919), “Diario clinico” e “Thalassa”.

Scritti

1953-1985

di Eugenio Gaddini

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 914

Eugenio Gaddini ha dato un contributo di grande rilievo e originalità al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Le ricerche sull'imitazione, sull'aggressività e sul processo della scena primaria sono i capisaldi su cui poggia una teoria del Sé tutta ricavata dall'esperienza clinica. Nell'ambito di questa teoria Gaddini ha formulato i concetti di "area psicosensoriale" e di "organizzazione mentale di base", ha indagato l'"invenzione" dello spazio e l'inizio della memoria nella mente infantile, l'origine della conoscenza e della creatività, la natura delle angosce e delle difese che segnano, nel processo di crescita del bambino e nel processo psicoanalitico, il passaggio dal Sé totale al Sé individuale, ossia la nascita psicologica dell'individuo. Il volume viene riproposto in edizione rilegata in brossura.   L'autore Eugenio Gaddini (1916-1985) è stato una delle figure di primo piano nel panorama psicoanalitico italiano. Dal 1978 al 1982 è stato presidente della Società italiana di psicoanalisi, svolgendo un ruolo di grande rilievo sia a livello scientifico che a livello didattico.

Trattato di psicoanalisi Vol. II (Edizione brossura)

Clinica

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 1032

Trattato di psicoanalisi Vol. I (Edizione brossura)

Teoria e tecnica

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 952

Diario clinico

Gennaio-Ottobre 1932

di Sándor Ferenczi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 332

Lettere

di Donald W. Winnicott

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 300

Il movimento psicoanalitico inglese della generazione successiva a Freud ebbe in D.W. Winnicott una personalità d'eccezione. Alieno dai dogmatismi e profondamente ancorato al valore delle proprie osservazioni, Winnicott fu un analista del tutto originale in campo terapeutico e teorico. Pediatra prima di diventare psicoanalista, Winnicott si occupò largamente della natura delle relazioni, a cominciare da quella madre-bambino. Le espressioni "madre sufficientemente buona" e "madre normalmente devota" sintetizzano il suo convincimento che i genitori non devono raggiungere livelli di perfezione per crescere dei figli psicologicamente sani. Il suo concetto più noto è quello dell'"oggetto transizionale" - il giocattolo o la coperta cui il bambino si mostra profondamente attaccato - che Winnicott considera di grande importanza nello sviluppo del gioco, della creatività e della vita intellettuale in genere. Scrittore di talento, con il dono di saper rendere le proprie idee accessibili tanto allo specialista quanto al lettore comune, Winnicott fu anche un prolifico corrispondente epistolare. Questa raccolta, curata da F. Roberto Rodman, riunisce per la prima volta in volume lettere a colleghi - tra cui Baliant, Bion, Bowlby, A. Freud, Jaques, Jones, M. Klein, Lacan, Meltzer, Rosenfeld, H. Segal - alla stampa e a persone che semplicemente gli sottoponevano i loro problemi, e rivela una volta di più il suo stile brillante e la sua tipica franchezza e spontaneità.

Opere Vol. III

Vol. III 1919/1926

di Sándor Ferenczi

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 450

Trattato di psicoanalisi Vol. II

Clinica

 

editore: Raffaello Cortina Editore

pagine: 1032

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.