Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

La perdita dell'evidenza naturale

La perdita dell'evidenza naturale
titolo La perdita dell'evidenza naturale
sottotitolo Un contributo alla psicopatologia delle schizofrenie pauci-sintomatiche
autore
argomenti Psichiatria e Criminologia Psichiatria
Psichiatria e Criminologia Psicopatologia e psicopatologia dello sviluppo
Psicologia Psicopatologia e psicopatologia dello sviluppo
collana Psichiatria psicoterapia neuroscienze
editore Raffaello Cortina Editore
formato Libro
pagine 216
pubblicazione 01/1998
ISBN 9788870785241
 
21,00

Nella letteratura psichiatrica compaiono a volte opere geniali che vanno al di là del circuito delle conoscenze specialistiche e che dalla patologia traggono gli elementi di studio per allargare l’orizzonte verso la condizione umana nel suo legame con il mondo. Fanno cioè della psicopatologia fenomenologica una strada maestra verso lo studio dell’uomo. È questo il senso dell’opera di Blankenburg, un maestro della psichiatria contemporanea, per la prima volta proposta in lingua italiana. Un’opera che esamina la carenza o la perdita, nell’angosciosa perplessità psicotica, di quella condizione di base che è per tutti noi l’ovvietà dell’“evidenza del mondo”, e che proprio quando vien meno mostra il suo ruolo fondamentale nel nostro esistere. -

 

L'autore

Wolfgang Blankenburg nasce a Brema nel 1928. Studia filosofia (sotto la guida di Heidegger, Szilasi e Fink) e medicina a Friburgo. Dal 1975 al 1979 è direttore sanitario della Clinica psichiatrica di Brema. Nel 1979 diviene docente presso la cattedra di Psichiatria dell’Università di Marburg. Dall’ottobre 1993 è professore emerito.

 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.