Torino Spiritualità 2012
Vai al contenuto della pagina

Torino Spiritualità 2012

Torino Spiritualità 2012 Torino Spiritualità 2012
Torino Spiritualità 2012

«Un giorno senza un sorriso è un giorno perso», diceva Charlie Chaplin, ed è proprio La Sapienza del Sorriso il tema dell'ottava edizione di Torino Spiritualità.

Negli oltre 100 incontri in programma si indagherà il sorriso come straordinaria predisposizione dell’animo a sollevarsi sulla pesantezza del mondo per accedere alla profondità del pensiero, entrare in relazione con l'altro, aprire nuovi sentieri di conoscenza, ricerca e condivisione.

Tutti gli appuntamenti con i nostri autori.

Massimo Recalcati (Ritratti del desiderio)
Sabato 29 settembre ore 11,30 - Cortile di palazzo Carignano

Roberta De Monticelli (La questione civile)
Domenica 30 settembre ore 15,30 - Cavallerizza Reale, Maneggio

David Le Breton (Il sapore del mondo)
Domenica 30 settembre ore 15,30 - Chiesa di San Filippo Neri

 

Sabato 29 settembre ore 11,30 - Cortile di palazzo Carignano

Massimo Recalcati
Guai a chi è solo e cade

Narcisismo, cinismo, individualismo, culto dell’autorealizzazione, sono imperativi che confinano in spazi angusti gli affetti più intimi, gli interessi della comunità e i legami sociali. Ponendo se stessi al centro del mondo si perde il valore della reciprocità e si dimentica che nella caduta, oggi come ieri, è prezioso avere accanto chi ti sollevi.

I LIBRI DI MASSIMO RECALCATI
 

Domenica 30 settembre ore 15,30 - Cavallerizza Reale, Maneggio

Roberta De Monticelli
Liberi tutti. Giocare tra norme e libertà

Ogni gioco è soprattutto un atto libero, che chiama in causa la nostra capacità di decidere e di mettere al mondo qualcosa di nuovo, poiché è attraverso ciascuna decisione che costruiamo la nostra unicità. Ma siamo davvero liberi di scegliere come giocare? E che cosa si nasconde esattamente dietro alla parola “libertà”?

I LIBRI DI ROBERTA DE MONTICELLI
 

Domenica 30 settembre ore 15,30 - Chiesa di San Filippo Neri

David Le Breton
Antropologia del sorriso

Associare il sorriso solo alla gioia e al piacere sarebbe troppo semplice. Il suo significato cambia e, a seconda delle circostanze e dei luoghi, può accompagnare la sorpresa, l’imbarazzo, il disprezzo e perfino la tristezza. Il sorriso non è un automatismo inscritto una volta per tutte nella natura dell’uomo ma è espressione di una ritualità, di una simbologia del corpo che si rinnova.

IL LIBRO DI DAVID LE BRETON

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.