La doppia assenza

sconto
5%
La doppia assenza
31,00 29,45
 
risparmi: € 1,55
Spedito in 2-3 giorni lavorativi

Prefazione di Pierre Bourdieu

Frutto di vent’anni di ricerche, La doppia assenza costituisce una riflessione sui molteplici aspetti del fenomeno migratorio nella sua doppia componente di emigrazione e immigrazione, ovvero del fenomeno migratorio come “fatto sociale totale”. In questa prospettiva, il controllo dei flussi migratori, concepiti come “semplice spostamento di forza lavoro”, rappresenta un obiettivo politico e prefigura uno scenario di conflitto tra le società ricche e le società povere. Diviso tra le une e le altre, il migrante, come spiega Bourdieu nella Prefazione, è sempre “fuori luogo”, privo cioè di uno spazio appropriato nella sfera sociale e di un posto assegnato nelle classificazioni sociali. “Spinto dalle ragioni del cuore e dell’intelletto, Sayad dipinge con piccole pennellate un ritratto avvincente di queste ‘persone fuori luogo’”, alle quali restituisce la loro origine, con tutte le particolarità che sono a essa associate e che spiegano molte delle differenze emerse nei loro destini successivi.
Diversamente dalla “scienza delle migrazioni” (forgiata dal “pensiero di stato”) e dall’etnocentrismo dominanti, la sociologia delle migrazioni di Sayad obbliga a ripensare la questione dei fondamenti legittimi della cittadinanza e della relazione tra il cittadino e lo stato, la nazione o la nazionalità. La pubblicazione in Italia di questo lavoro offre l’opportunità di alimentare una conoscenza delle migrazioni non più basata sulla facile opposizione tra ragioni pro e contro gli immigrati, capovolgendo la tendenza interpretativa oggi prevalente.

 

Biografia dell'autore

Abdelmalek Sayad

Abdelmalek Sayad (1933-1998), sociologo algerino, è stato direttore di ricerca presso il Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica di Parigi. I suoi lavori hanno come oggetti i problemi dell’immigrazione in generale e dell’immigrazione algerina in particolare.

Rassegna stampa per La doppia assenza

Cos’è la “doppia assenza” dell’immigrato, secondo Abdelmalek Sayad.