Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

La normalità del male

sconto
15%
La normalità del male
titolo La normalità del male
sottotitolo La criminologia dei pochi, la criminalità dei molti
autore
argomenti Psichiatria e Criminologia
Psicologia
Storia
collana Criminologia e scienze forensi
editore Raffaello Cortina Editore
formato Libro
pagine 218
pubblicazione 2019
ISBN 9788832850871
 
19,50 16,58
 
risparmi: € 2,92
Disponibile in 2-3 gg. lavorativi

Corrado Augias intervista Isabella Merzagora a Quante storie Rai 3

Quante storie - La normalità del male - video - RaiPlay

La criminologia si è tradizionalmente occupata del male commesso da un singolo. Ma, in diverse pagine della storia, la malvagità si è manifestata in forme collettive. Partendo dall'esempio dell'antisemitismo nella Germania nazista, Isabella Merzagora, ospite di questa puntata di "Quante Storie", descrive a Corrado Augias i fattori che spingono persone comuni a commettere eccidi di massa, per scoprire che le ragioni della "criminologia per molti" non sono le stesse che regolano il delitti individuali.

Abitualmente la criminologia si occupa di atrocità che si possono considerare eccezioni, anomalie. Il volume si interroga invece sul perché interi popoli o comunque migliaia, centinaia di migliaia di persone possano rendersi responsabili di massacri e poi tornare alla loro normalità.
La risposta a questa domanda si è cercata analizzando soprattutto il nazismo, inteso come matrice di ogni razzismo, ma ci si è soffermati anche su manifestazioni recenti di “paura dell’altro”, citando molte ricerche, in particolare orientate all’analisi dei linguaggi propri dei social network. 
In sintesi, una spiegazione di quanto accaduto in passato, e in generale della possibilità che persone comuni compiano eccidi, si può trovare nell’idea che esista una diversità radicale e inemendabile fra “noi” e gli “altri”, e che questa sia la causa del delitto: la “criminologia dei pochi”, appunto, che porta alla “criminalità dei molti”.
Rimane, a questo punto, un’ultima domanda: la storia potrà vacillare di nuovo?


 

Biografia dell'autore

Isabella Merzagora

Isabella Merzagora è professore ordinario di Criminologia all’Università degli Studi di Milano e presidente della Società italiana di criminologia. Nelle nostre edizioni ha pubblicato Uomini violenti (2009), Colpevoli si nasce? (2012), Lo straniero a giudizio (2017) e La normalità del male (2019).

Rassegna stampa per La normalità del male

La normalità del male secondo Isabella Merzagora.
La sottile seduzione del razzismo, oggi.
Il male è normale se l'uomo pensa solo a se stesso.
Isabella Merzagora, "il male è dentro di noi".
La storia nello sguardo del criminologo.
Il male dipende dall'uomo, analizzate cause e concause.
L'essenza del pregiudizio e la normalità del male. Intervista a Isabella Merzagora.
Dalla banalità alla normalità del male.
Il fascino del male.
Perché il crimine ci prende così tanto?
Perché la cronaca nera ci appassiona tanto.
La normalità del male.
La criminologia si è tradizionalmente occupata del male commesso da un singolo. Ma, in diverse pagine della storia, la malvagità si è manifestata in forme collettive. Partendo dall'esempio dell'antisemitismo nella Germania nazista, Isabella Merzagora, ospite di questa puntata di "Quante Storie", descrive a Corrado Augias i fattori che spingono persone comuni a commettere eccidi di massa, per scoprire che le ragioni della "criminologia per molti" non sono le stesse che regolano il delitti individuali.
Letture.org intervista Isabella Merzagora.

News che parlano di: La normalità del male

La normalità del male. Spunti e discussioni dal libro. A Milano con l'autrice Isabella Merzagora.
I nostri autori e gli eventi che li vedono protagonisti a Pistoia Dialoghi sull'Uomo 2019.
Isabella Merzagora a Manette alla sanità? Dibattito organizzato da Chiamamilano.

Eventi collegati a La normalità del male

Casa della Psicologia, il 08.07.2019 alle ore 21.00, piazza Castello 2, Milano

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.